Dom. Mar 29th, 2020

Furto nel bar tabacchi di un’area di servizio a Balestrate

Furto con scasso, questa notte, lungo la strada provinciale 17, nel territorio di Balestrate.
Ignoti, hanno preso di mira il bar tabacchi dell’area di servizio Eni, che insiste lungo l’importante arteria viaria, gestito dal balestratese D.C. di 54 anni.

Due uomini incappucciati e muniti di guanti, sarebbero arrivati sul posto a bordo di un fiat fiorino, lo stesso che, hanno utilizzato in retromarcia, per sfondare la saracinesca dell’attività commerciale annessa al distributore di carburante.

L’irruzione nei locali, ha fatto scattare l’impianto d’allarme, collegato con la centrale operativa dei carabinieri.

Quando sul posto è giunta una gazzella dei militari del nucleo radiomobile della compagnia di Partinico, dei ladri non vi era più nessuna traccia. Gli scassinatori, infatti, si erano già dileguati.

I suoni emessi della sirena del sistema antifurto, non hanno, comunque, scoraggiato i malviventi che, prima di lasciare la scena del crimine, hanno svaligiato la tabaccheria, portando circa 10 kg di sigarette e 400 euro in monete, trovati nel registratore di cassa che hanno pure manomesso.
Il tutto è avvenuto nel giro di pochissimi minuti.

A fornire un importante contributo alle indagini, per risalire agli autori del furto, potrebbero essere le telecamere della videosorveglianza che si trovano nell’attività commerciale.

Al momento, i filmati, sono al vaglio degli inquirenti. Attraverso le immagini riprese dalle telecamere, i carabinieri hanno potuto accertare che il furgone utilizzato dai ladri per mettere a segno il colpo, era stato rubato pochi minuti prima in un’autofficina del luogo.

Lo stesso automezzo, è stato ritrovato poco dopo dai carabinieri, nelle vicinanze dell’area di servizio.
Evidentemente, i due malviventi, hanno deciso di abbandonare il fiat Fiorino per poi dileguarsi con un mezzo proprio o di un terzo complice che magari li stesse aspettando.
Dalle riprese, gli investigatori sperano di ottenere elementi utili ad individuare gli autori del misfatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.