Mar. Apr 7th, 2020

Balestrate. Stop alla musica amplicata nei locali, è polemica

Firmata dal sindaco di Balestrate Salvatore Milazzo l’ordinanza che disciplina la movida notturna durante l’estate. I locali potranno organizzare serate di intrattenimento musicale all’interno e all’esterno, fino all’una, ma non potranno utilizzare impianti di amplificazione e diffusione sonora.

Insomma, secondo quanto disposto dall’amministrazione, si potranno, per esempio, fare concerti in acustico con chitarra e voce, ma senza utilizzare microfoni e casse.
“In ogni caso – si legge nell’ordinanza – l’attività musicale svolta all’interno dei locali con impianti elettroacustici e di amplificazione, in nessun modo può avere proiezioni acustiche verso l’esterno”.
I titolari delle attività commerciali dovranno inoltre vigilare sui clienti per evitare schiamazzi e disturbo alle quiete pubblica.

L’ordinanza del sindaco è in vigore da ieri e sarà valida fino al 30 settembre. Per chi non osserva le disposizioni, sono previste multe che vanno da 25 a 500 euro e il rischio chiusura dei locali per un minimo di tre giorni, se il titolare viola l’ordinanza più volte nello stesso anno.

A vigilare saranno le forze dell’ordine e la polizia municipale.
“Occorre favorire la convivenza tra chi vuole riposare e chi invece esercita l’attività economica e lo svago notturno” scrive Milazzo nell’ordinanza. “Il comune inoltre si appresta ad adottare un regolamento per prevenire l’inquinamento acustico e garantire così la vivibilità e il rispetto della quieta pubblica”.
Diversa invece la posizione di Vito Rizzo di Spazio Comune: “penso che questa soluzione danneggi la nostra già malconcia economia turistica. La movida notturna va regolamentata, ma bisogna trovare delle soluzioni che prevedano fasce orarie e giorni settimanali, con possibilità di fare concerti al di fuori dei locali, andando così incontro alle esigenze degli impreditori, dei turisti e dei residenti. Con questa ordinanza invece si vieta totalmente di fare musica amplificata all’esterno.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.