Carini. Donato al Comune un reperto appartenente ai La Grua (video)

Ritrovata circa trenta anni fa durante i lavori di ristrutturazione di un’abitazione privata di via Rosolino Pilo a Carini, torna al patrimonio del Comune una lapide risalente al 1694 che componeva la fontana del Garraffo. La lastra incisa, apparteneva al principe La Grua ed è stata rinvenuta sotto il pavimento della casa di proprietà di Angelo Grigoli e passata in eredità al figlio Antonio che incoraggiato da Daniele Lo Piccolo ha deciso di donare il reperto al museo civico. L’ex consulente artistico del Comune aveva infatti avviato il progetto “Non c’è futuro senza passato” con lo scopo di raccogliere le testimonianze che hanno fatto la storia di Carini.

aiello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.