Dom. Feb 23rd, 2020

La Corte dei Conti bacchetta il Comune

Amministratori e responsabile dell’ufficio economico-finanziario del Comune di Terrasini finiscono nell’occhio del ciclone, la Corte dei Conti li riterrebbe responsabili di aver alterato alcuni dati del bilancio 2012 per evitare di sforare il patto di stabilità.

I giudici della sezione di controllo hanno dato sessanta giorni di tempo per trasmettere le misure correttive adottate dal consiglio comunale, intanto però hanno disposto l’invio degli atti alla Ragioneria generale dello Stato e alla Procura regionale della Corte dei Conti.

Ma l’aver fatto apparentemente quadrare i conti, potrebbe costare caro ad amministratori e al responsabile economico-finanziario che rischiano i primi una sanzione fino a dieci volte l’indennità di carica percepita, il secondo una multa fino a tre mensilità del trattamento retributivo, al metto degli oneri fiscali e previdenziali.

La magistratura contabile contesta al Comune anche il pesante ricorso all’anticipazione di tesoreria, con uno scoperto a fine esercizio di 790.000 euro e il debito di quasi 4,5 milioni di euro. Ulteriori rilievi riguardano il ritardo nell’approvazione del bilancio, la ripetuta mancata indicazione delle voci di spesa da contabilizzare nei servizi contro terzi “tali da non consentire il controllo sul loro utilizzo”, il mancato allineamento contabile dei debiti/crediti con gli organismi partecipanti.

La delibera della sezione di controllo è del 27 ottobre scorso, ed è stata già inviata al Comune di Terrasini.

“Il collegio dei revisori dei conti e l’ufficio economico-finanziario, si sono già attivati per giustificare gli atti alla Corte dei Conti –spiega il sindaco Massimo Cucinella– e comunque attarverso il servizio di posta elettronica certificata avevamo già inviato una relazione. Secondo quanto appurato finora dai revisori –conclude il sindaco- pare che verrà scongiurato lo sforamento del patto di stabilità”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.