La provocazione: l’associazione BNLVC lancia concorso sulla “munnizza”

La “munnizza” di Borgetto ispira: c’è chi ha dedicato allo stato di degrado in cui versa da settimane il paese una poesia, chi posta indecose immagini su Facebook e chi ha addirittura ha indetto un concorso fotografico.

La provocazione è dell’associazione “BorgettoNoiLoVorremmoCosì”, che in realtà voleva proporre un premio sui balconi fioriti ed invece assegnerà al vincitore di “U Muntarozzu ri Munnizza” un set di sacchetti medi e giganti per i rifiuti, con i quali si potranno fare altri “munzeddi”.

L’intenzione dell’associazione e dei tanti che sfogano su Facebook la loro amarezza nel vedere il paese sepolto da tonnellate di spazzatura, è quella di fare da pungolo all’amministrazione comunale.

E’ pur vero che molti cittadini abbandonano indiscriminatamente i rifiuti sul territorio, ma negli ultimi tempi non è che ci siano stati cassonnetti vuoti, anzi anche le apposite postazioni sono state trasformate in discariche a cielo aperto.

“Ci rammarichiamo che questa amministrazione non sia stata in grado di prendere dei provvedimenti che potessero limitare il disastro in cui oggi versa il paese –affermano dall’associazione BorgettoNoiLoVorremmoCosì.

Ci rendiamo conto che la situazione economica non consente di garantire un servizio di raccolta efficiente, ma è appunto per questo che, da parte dell’amministrazione, bisognava attuare delle iniziative di informazione sulla situazione di raccolta rifiuti e quindi sensibilizzare la popolazione al fine di evitare l’ammasso selvaggio di spazzatura in tutto il paese.

Una volta, quando il Comune voleva comunicare qualcosa alla popolazione –continua l’associazione- passava “il banditore” con il tamburo ed avvisava circa le decisioni che venivano prese al Palazzo di città.

Oggi che siamo nell’era di internet, questa Amministrazione ha scelto la strada del mutismo e della non comunicazione. Sinceramente -conclude l’associazione- ci pare una posizione anacronistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.