Approvati regolamenti comunali per riqualificare il centro storico

Approvati dal consiglio comunale di Castellammare del Golfo, i regolamenti che riguardano agevolazioni e contributi economici per chi recupera immobili nel centro storico, nel borgo di Scopello, nella frazione di Balata di Baida e per la promozione di nuove attività economiche e servizi. L’amministrazione comunale, dopo il via libera del consiglio comunale, concederà incentivi una-tantum e pluriennali. «Lo scopo dei regolamenti -spiega il sindaco Nicolò Coppola- è quello di restituire decoro al centro storico tutelando e riqualificando gli immobili esistenti e contemporaneamente incentivandone l’utilizzo turistico – ricettivo.”
Il primo regolamento riguarda agevolazioni economiche per chi recupera immobili, con la stipula di apposite convenzioni tra l’amministrazione ed istituti di credito, per la concessione di prestiti/mutui con ammortamento massimo quinquennale e pagamento degli interessi a carico dell’amministrazione. Non sono ammesse alle agevolazioni le attività di vendita di tabacchi, sale giochi, centri scommesse. Il secondo regolamento riguarda gli incentivi per favorire nuovi insediamenti di attività economiche e servizi. I benefici una-tantum, per un massimo di sei mesi, sono l’esenzione dal pagamento dei diritti di istruttoria e la riduzione del 60% della tassa di occupazione temporanea di suolo pubblico. Tra i benefici pluriennali (cinque anni) previste riduzioni fino al 60% per Imu, Tosap e Tari (beneficio revocato nel caso in cui all’azienda venga contestato per tre volte il mancato rispetto delle norme che regolano la raccolta differenziata dei rifiuti). Ulteriori agevolazioni per attività che promuovono la mobilità sostenibile. «Si tratta di un momento importante -afferma il presidente del consiglio comunale Domenico Bucca- poiché è la prima volta che a Castellammare vengono previsti incentivi significativi per il centro storico».
Il consiglio comunale ha approvato anche il regolamento per la gestione degli impianti sportivi ed il regolamento per l’istituzione del servizio di volontariato dei “Nonni Civici”: gli anziani residenti in paese che faranno richiesta, dopo valutazione dei Servizi Sociali, svolgeranno servizio di vigilanza davanti le scuole, in orari di entrata ed uscita degli studenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.