Carini, salvate due dita di una mano al 12 enne che gli è esploso un petardo in mano

Sono riusciti a salvargli due dita della mano al bambino di Carini rimasto ferito ieri mentre giocava per strada in via Fiumefalco per aver raccolto un petardo “cipolla” che gli è esploso tra le mani provocandogli danni irreparabili ad uno dei due arti. 

“Abbiamo eseguito un intervento delicatissimo- spiega Adriana Cordova il primario di Chirurgia Plastica dell’ospedale Policlinico di Palermo dove c’è un centro specializzato per la ricostruzione della mano – L’arto era devastato dall’esplosione. Siamo riusciti a ricostruire e salvare il pollice e il mignolo. Le altre dita però sono compromesse. L’indice è stato amputato – aggiunge Cordova -, mentre per il medio e l’anulare abbiamo dovuto asportate qualche falange. La situazione è ancora sotto osservazione perché i tessuti sono stati danneggiati dall’esplosione. Il paziente è stato molto coraggioso e molto forte ha collaborato con sorprendente carattere. Peccato che ancora oggi a causa dei botti di fine anno succedano gravi episodi che segnano per sempre la vita dei giovani”.

In queste ore il ragazzo sarà assistito da un’equipe di psicologi che lo sosterranno nel percorso per prendere consapevolezza di quanto accaduto. I genitori sono stati e sono al fianco del loro figlio. Le indagini sull’ennesimo grave incidente provocato dai botti di fine anno sono condotte dai carabinieri della compagnia di Carini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy