Giardinello, il Gip dopo interrogatorio conferma misure cautelari per sindaco ed altri indagati

Il GIP del Tribunale di Palermo Cristina Lo Bue, all’esito degli interrogatori di garanzia nei confronti degli indagati rimasti coinvolti nel caso di corruzione scoperto dai carabinieri della compagnia di Partinico al comune di Giardinello, 

ha confermato le misure cautelari agli indagati e rigettato le istanze dei loro legali che avevano chiesto la revoca. 

Permane dunque il divieto di dimora nel comune di residenza per il sindaco di Giardinello Antonio De Luca e per l’impiegato del comune di Montelepre Andrea Caruso, mentre per l’ex finanziere Giuseppe Ciuro quello di non poter soggiornare nell’intera provincia di Palermo. 

Antonio De Luca, il sindaco di Giardinello sospeso dal Prefetto Maria Teresa Cucinotta a seguito della misura cautelare a cui è stato sottoposto, davanti al gip, come preannunciato, ha respinto ogni accusa, negando di aver fatto pressioni all’agente di polizia municipale che lo accusa di avere favorito l’ex finanziere Ciuro ad ottenere una certificazione di residenza “farlocca” affinché potesse creare un nucleo familiare a reddito zero e non pagare i 200 mila euro dovuti allo Stato per saldare le spese giudiziarie relative al processo sulle “talpe in Procura” in cui venne condannato.

Accompagnato dal suo avvocato Antonio Maltese, De Luca davanti al gip avrebbe affermato che il casco bianco avrebbe preferito scaricare su di lui le responsabilità per evitare di inguaiarsi. Anche Giuseppe Ciuro è stato ascoltato  dal Gip e secondo i suoi legali, gli avvocati Eolo Alessandro Magni e Marco Ingroia, “ dagli atti esaminati la truffa ai danni dello Stato pare non ci sia stata”. Inoltre sostengono che dalle indagini emergerebbero alcune incongruenze, favorevoli alla difesa, che contano di evidenziare nel corso dell’attività processuale e dibattimentale.

In merito, invece, al presunto accordo corruttivo stretto col dipendente del comune di Montelepre Andrea Caruso: ovvero una convenzione di 18 mesi con l’ente locale di appartenenza in cambio dell’appoggio politico attraverso una sua parente, già consigliera comunale, De Luca nega pure ogni addebito sostenendo di non aver fatto alcun accordo illecito “anche perché – ha riferito al Gip- il supporto della cugina di Caruso non sarebbe stato utile ad uscire dalla crisi politica in cui era incappato visto che buona parte della maggioranza originaria decise di transitare nell’opposizione”.

Nessuno degli indagati però sembra avere convinto il Gip Cristina Lo Bue che ha confermato tutte le misure cautelari nei loro confronti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy