Carini, notte di fuoco nell’area industriale: fiamme all’Ecofarma

Notte di fuoco a Carini, dove per cause ancora da accertare, è divampato un incendio in un’azienda che si occupa di smaltimento di rifiuti ospedalieri. Le fiamme sarebbero partite dal camino dell’inceneritore della Ecofarma che ha sede in via Dominici, nel cuore dell’area industriale. 

L’allarme ai vigili del fuoco è scattato intorno alle 22,40. Sul posto sono intervenute sei squadre di pompieri che hanno impiegato più di tre ore per riuscire a domare il rogo e rimettere i luoghi in sicurezza. 

Presenti anche gli uomini del nucleo Nbcr per verificare e controllare la qualità dell’aria nella zona che è stata letteralmente invasa da un’enorme massa densa di fumo. Fortunatamente non ci sono stati feriti ne sono stati registrati casi di intossicazione.

Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri della compagnia di Carini per accertare le cause dell’incendio. Un episodio analogo si era già verificato nella stessa azienda nel 2017. In quel caso il rogo sarebbe stato provocato da un errore di un dipendente che avrebbe messo nell’inceneritore dello stabilimento delle batterie al litio. 


La Ecofarma di Carini in una nota 

precisa che “la causa scatenante dell’incendio di ieri sera è stata il surriscaldamento del cavo della linea calda, che ha creato un corto circuito innescando appunto  un principio di rogo alla base del camino, che sale sulla piattaforma di controllo posta a circa 10 mt. di altezza.

Gli operatori di turno hanno a quel punto allertato i vigili del fuoco del distaccamento volontario di Carini, che prontamente sono intervenuti e  hanno in pochi minuti domato la fiamma” seppur chiamando rinforzi.

“Gli stessi – scrive ancora l’azienda – hanno atteso che il ciclo di trattamento dei rifiuti presenti in camera di combustione arrivasse alla fine per poi andare via. Ringraziamo i vigili del fuoco intervenuti per la loro massima professionalità e i funzionari  dell’ ARPA che hanno verificato la non pericolosità di quanto successo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy