Asp 6, l’arte contemporanea per evitare il burnout del personale sanitario

“Esplorare l’efficacia dell’arte contemporanea per prevenire il burnout e promuovere il benessere degli operatori socio sanitari”. E’ l’obiettivo del programma di formazione “Avere Cura di chi Cura” promosso dal Dipartimento Salute Mentale dell’Asp di Palermo e rivolto ad un centinaio di operatori provenienti dai servizi pubblici della psichiatria, neuropsichiatria infantile e dipendenze patologiche.

            “Gli operatori socio sanitari – spiega il Responsabile scientifico del programma, Nuccia Cammara – sono particolarmente esposti al rischio di burnout. La fatica del lavoro quotidiano e la complessità delle sofferenze della maggior parte delle persone che assistono, può logorare la vitalità professionale e personale degli operatori. L’Asp ha elaborato una metodologia che utilizza la pratica artistica come forma partecipata di action learning ovvero come reazione attiva e in grado di suggerire nuove forme di ascolto di sé, di narrazione e di mediazione dei conflitti”.

            Il processo di formazione condotto da diversi artisti si è articolato in 3 edizioni a partire dal mese di ottobre 2021 fino a giugno 2022. Ogni corso della durata di 2 mesi ha formato 25-30 operatori impegnati in 3 spazi laboratoriali artistici. I partecipanti provenivano da diverse discipline professionali: psichiatri, infermieri, educatori, psicologi, pedagogisti, assistenti sociali e operatori socio sanitari. 

            Venerdì prossimo, 2 dicembre, in occasione dell’evento finale previsto dalle 14.30 a Villa Zito – dal titolo “Avere cura di chi cura, Arte e cambiamento sociale” –  saranno presentati i risultati del progetto ed un documentario curato dalla regista Maddalena Polizzi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy