Mafia, la Gdf sequestra 8 immobili ad imprenditore palermitano

I finanzieri del  III Gruppo di Palermo del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria   hanno eseguito un decreto di sequestro  emesso dalla sezione misure di prevenzione del  Tribunale su richiesta della locale Procura della Repubblica  e della direzione distrettuale antimafia,  nei confronti del noto  imprenditore palermitano Francesco Zummo di 90 anni, già coinvolto in passato in complesse vicende giudiziarie che hanno fatto luce su quella grave speculazione edilizia passata alle cronache come “sacco di Palermo”.

Sotto sigillo sono finito 8 immobili, tra cui 4 ville di pregio  del valore complessivo stimato di oltre 3 milioni di euro.

Il provvedimento ablativo   scaturisce a seguito di nuovi approfondimenti disposti nel 2021 dalla locale  DDA nei confronti dello stesso imprenditore che hanno consentito di sequestrare, a più riprese tra la fine del 2021 e gli inizi del 2022, disponibilità finanziarie per oltre 35 milioni di euro. Nel dettaglio, all’esito dell’attività operativa complessivamente svolta sono stati sottoposti a sequestro oltre agli 8 immobili, 16 polizze assicurative per un controvalore di circa 2 milioni di euro,  7 depositi di titoli per un controvalore di oltre 1,2 milioni di euro, quote di fondi di investimento (alcune delle quali detenute all’estero) per oltre 3 milioni di euro,  11 conti correnti bancari e postali con un saldo complessivo superiore a 500.000 euro.

Inoltre, sono state sequestrate disponibilità finanziarie detenute all’estero per oltre 25,5 milioni di euro, depositate su rapporti di conto esteri intestati all’imprenditore palermitano e a fondazioni allo stesso riconducibili con sede in Liechtenstein. Le indagini hanno permesso di individuare, attraverso l’analitica ricostruzione e comparazione di tutte le entrate e le uscite conseguite dai soggetti esaminati, significative sproporzioni tra le fonti lecitamente conseguite e dichiarate, i costi sostenuti nell’arco temporale analizzato e le disponibilità liquide detenute dagli stessi. Il procedimento per l’applicazione delle misure di prevenzione nei confronti dell’imprenditore palermitano è attualmente in corso e   solo in caso di confisca definitiva, le disponibilità ad oggi sequestrate verranno definitivamente acquisite al patrimonio dello Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy