Castellammare del Golfo, soccorso un uomo allo Zingaro


Intervento congiunto del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano e dell’82° Csar dell’Aeronautica Militare nella Riserva naturale orientata dello Zingaro per un turista svizzero che si era infortunato nei pressi di Cala dell’Uzzo e, subito dopo, per recuperare un escursionista olandese disperso nell’isola di Marettimo.

Poco dopo le 14 I.S., 47 anni, di Zurigo, in escursione con la famiglia, è scivolato sul sentiero che scende verso la caletta procurandosi una sospetta frattura alla gamba destra. Visto che non riusciva più a muoversi, la moglie ha lanciato l’allarme chiamando il Numero Unico di Emergenza 112. 

La centrale del 118 ha chiesto l’intervento del Soccorso Alpino che, per ridurre al minimo i rischi trattandosi di una zona impervia con temperatura molto elevate, ha attivato l’Aeronautica Militare. 

Dall’aeroporto di Trapani Birgi è decollato un elicottero HH 139B dell’82° centro Csar che ha imbarcato due tecnici del SASS per trasportarli pochi minuti dopo sul luogo dell’incidente. I tecnici del Soccorso Alpino hanno raggiunto l’uomo, gli hanno immobilizzato l’arto e recuperato a bordo con il verricello per sbarcarlo al campo sportivo di Castellammare del Golfo dove ad attenderlo c’era un’ambulanza del 118 che lo ha trasportato all’ospedale di Alcamo. Sul posto il personale dell’impianto sportivo.

L’elicottero era appena decollato per rientrare a Birgi quando dalla prefettura di Trapani è arrivata la richiesta di intervento per un turista disperso a Marettimo. Notizia arrivata anche tramite il vice sindaco Vito Vaccaro. C.C., 30 anni, stava percorrendo da solo un sentiero impervio nei pressi di Cala Bianca, a nord dell’isola, quando aveva perso l’orientamento andando nel panico. Era riuscito però a chiamare il 112 fornendo la sua posizione.

I tecnici del Soccorso Alpino si sono imbarcati nuovamente e il velivolo dell’Aeronautica Militare si è diretto verso le Egadi per raggiungere la zona indicata. Ma intanto il turista era stato avvistato dal mare da un gommone della Capitaneria di porto che lo ha recuperato nella spiaggia di Cala Bianca e sbarcato in porto dove intanto era atterrato l’elicottero. Visitato alla guardia medica, dove gli sono state medicate alcune escoriazioni, ha rifiutato il trasfermento all’ospedale di Trapani. 

Da maggio ad oggi sono stati 14 gli interventi portati a termine con l’elicottero nella riserva dello Zingaro, altri 8 tra isole Egadi ed Eolie.

In caso di incidenti su pareti di roccia, sentieri, ambienti innevati, in grotta e gole fluviali o in caso di dispersi in ambiente impervio e ostile, è allertabile mediante il Numero Unico di Emergenza (NUE) 112, sempre chiedendo esplicitamente l’intervento del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico #CNSAS. Il #NUE112 trasferirà la chiamata di soccorso alla Centrale Operativa 118, la quale provvederà ad allertare il SASS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy