Montelepre, ricevuta al comune dal sindaco Terranova concittadina residente in Argentina

Emigrata in Argentina negli anni 50, la monteleprina Nina Candela ha fatto ritorno nel paese natio, accompagnata da tre dei suoi sei figli: Marcelo, Mauro e Silvana. Questa mattina tutti sono stati accolti al palazzo comunale dal sindaco Giuseppe Terranova che ha ascoltato con grande curiosità la storia di emigrazione della concittadina. Nina Candela lasciò Montelepre quando aveva appena 12 anni, insieme al fratello Enzo e alla sua mamma, per raggiungere il padre già emigrato in Argentina. Nella nazione latina, Nina Candela è cresciuta ed ha messo su famiglia. E’ cittadina onoraria della di città di Roca per essersi distinta come insegnante di balli folkloristici, aver creato un corpo di ballo e una scuola di danza, collezionando numerosissimi articoli di giornale che la elogiano e che a volte parlano delle sue origini che non ha mai dimenticato, tantè che con grande determinazione ha continuato a curare i contatti con i familiari rimasti a Montelepre.  L’economia argentina non è rosea e Nina Candela ha dovuto fare molti sacrifici per pagare il biglietto aereo;  ma è suo desiderio fare conoscere ai suoi figli il paese in cui è nata e dove ha lasciato un pezzetto di cuore. Diversi anni fa era riuscita a portarsi dietro le figlie Deborah e Daniela. Dopo il viaggio in corso, solo suo figlio Mario dovrà ancora conoscere Montelepre. L’incontro al comune con le autorità locali, per Nina Candela che oggi ha 85 anni, è stato davvero emozionante. Ma a renderla davvero felice è vedere negli occhi dei figli l’ammirazione per la bellezza della sua amata Sicilia e degli affetti ritrovati a Montelepre. Il sindaco Giuseppe Terranova si è complimentato con Nina Candela per i successi conseguiti in Argentina e per la sua bella famiglia che spera di rivedere in futuro nella sua interezza con l’auspicio che i suoi figli restino sempre in contatto con Montelepre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy