Carini, acquisizione Selikab: i sindacati incontrano la tecno System

La Fiom, assieme alle altre organizzazioni sindacali, ha incontrato nelle settimane scorse, presso la sede di Confindustria, la Tecno System, la multinazionale italiana che ha acquisito il controllo della Seli-Kab di Carini, azienda che si occupa di produzione di hardware all’interno dello stabilimento di Italtel.
Il subentro nelle settimane scorse della nuova proprietà, che ha manifestato l’intenzione di rilanciare ancora di più il sito e di stabilizzare i lavoratori interinali, è stata accolta positivamente dalla Fiom Cgil Palermo. Attualmente i dipendenti sono 93, più 15 in staff leasing di che nel passaggio in Seli-Kab verrebbero stabilizzati. Tre nuove assunzioni sono state fatte a giugno e la sede palermitana adesso si occuperà anche della fatturazione, uno dei segmenti prima centralizzati, e che adesso saranno svolti in loco.
La Seli-Kab, azienda di Electronic Manufacturing Services, nata nel 1974 da un’installazione della Sit-Siemens, è cresciuta negli anni fino a far parte di quello che Tecno System definisce «uno dei principali poli italiani per l’ingegnerizzazione e la produzione di apparati e sistemi elettronici». Il fatturato attuale dell’azienda è di 32 milioni di euro e l’obiettivo è di arrivare ai 50 milioni nei prossimi anni
“L’arrivo di un’azienda solida come Tecno System, in grado di aumentare la capacità produttiva del sito e l’occupazione, su un territorio desertificato come quello palermitano, è senz’altro una buona notizia – dichiarano il segretario generale Fiom Cgil Palermo Francesco Foti e Carmelo Calò, Rsu Fiom di Seli-Kab – La prospettiva che c’è stata presentata durante l’incontro è che l’integrazione fra Seli-kab e Tecnosystem, con lo scambio dei know-how reciproci, rafforzerà tutto il gruppo e in particolare segnerà la crescita del sito palermitano. Questo esempio può fare da traino per lo sviluppo di nuove sinergie all’interno del polo di Carini, dove sono presenti altre aziende di punta del settore dell’innovazione tecnologia. Ma occorre l’impegno delle istituzioni a mettere in campo politiche industriali di sostegno per rendere le nostre aree industriali attrattive per l’imprenditoria interessata a investire e operare in Sicilia. Sforzo che fino a oggi è mancato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy