Capaci, intitolata una strada al “Preside Volante” Ninni Vaccarella (Video)

L’amministrazione comunale di  Capaci  ha intitolato una strada al pilota automobilistico di Formula 1 Ninni Vaccarella, da tutti ricordato come il “Preside Volante”. Alla cerimonia, oltre alle autorità civili e militari, ha preso parte il figlio del campione scomparso nel settembre dello scorso anno, Giovanni Vaccarella che ha gioito per l’iniziativa assieme ai tanti ospiti e campioni del mondo automobilistico, alle associazioni sportive ed appassionati vari che non sono voluti mancare all’evento, portando  numerose autovetture della Ferrari e prestigiosi veicoli d’epoca. La strada che è stata dedicata a Ninni Vaccarella si trova tra  l’angolo di Via Vincenzo Florio e la via La Motta e completa un ideale “trittico di stelle”. Capaci è il primo comune che gli intitola una strada, in onore delle  sue imprese motoristiche che hanno infiammato i cuori dei tifosi e di una carriera sportiva ricca di riconoscimenti e che ha dato lustro all’Italia. Il “Preside volante” esordì   proprio dalle nostre parti, nella cronoscalata Passo di Rigano-Bellolampo, mentre l’anno successivo si cimentò nella corsa Trapani-Monte Erice. Partecipò a diversi Gran Premi di Formula 1 ed in 18 anni di attività agonistica e 120 gare disputate, si ricorda  la vittoria nella 1000 Km di Nurbungring, nella 24 ore di Le Mans (entrambe alla guida di una Ferrari) ed in 3 Edizioni della leggendaria Targa Florio. E’ stato anche nominato Cavaliere all’Ordine al Merito della Repubblica italiana per i suoi meriti sportivi. Negli ultimi decenni, Ninni Vaccarella ha frequentato spesso Capaci, grazie ai raduni Ferrari organizzati da Carmelo Solazzo, presente pure alla cerimonia di intitolazione in cui sono stati ricordati  i valori ideali che lo guidavano e  che gli imponevano di conciliare gli impegni sportivi con il ruolo di Preside scolastico, tant’è che al termine della sua gara vittoriosa di Le Mans, si rifiutò di partecipare ai rituali festeggiamenti post-gara, per correre all’aeroporto di Orly in modo da rientrare a Palermo in nottata e poter riprendere puntualmente le lezioni scolastiche la mattina successiva.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture