Borgetto, emozione per il ritorno della processione del Venerdì Santo anche a New York (Video)

In Sicilia la ricorrenza del Venerdì Santo è particolarmente sentita. In quasi tutti i paesi, così come nelle borgate dei capoluoghi, le rappresentazioni della passione o le processioni del Cristo morto e dell’Addolorata richiamano l’attenzione di numerosissimi fedeli.
Tra le più apprezzate c’è sicuramente quella organizzata dalla Confraternita del Cristo Morto e dell’Addolorata di Borgetto presieduta da Pippo Muglia, rinnovata ieri sera, nella giornata del venerdì santo, dopo 2 anni di stop dovuto alla pandemia da covid. In migliaia, ieri sera, hanno assistito al toccante evento, partecipando con intensa devozione e raccoglimento. La tradizionale processione “annacata”, è certamente una delle più suggestive e commoventi del territorio a cui prendono parte le autorità civili, con in testa il sindaco Luigi Garofalo, religiose e militari. Le Pie Donne hanno sceso Gesù dalla Croce avvolgendolo in un drappo bianco per deporlo nell’urna in vetro della vara lignea che i confrati vestiti rigorosamente in abito nero, hanno portato a spalla portata a spalla per tutto il percorso della processione, davanti lo sguardo inanimato ma profondo del simulacro di Maria Addolorata che ha rivisto il figlio tra le vie Monastero e Largo Salamone. Ad un certo punto del percorso, infatti, la processione con i simulacri del Cristo Morto e dell’Addolorata si è divisa per permettere il cosiddetto “incontro”. Dopo circa 4 ore di percorso,  prima di arrivare davanti la Chiesa Madre di Borgetto, i due simulacri si sono divisi un’altra volta, per poi ricongiungersi in un incontro molto commovente, caratterizzato da una lunga “annacata” della vara del Cristo Morto che ha preceduto la fine della processione”. A scandire il tipico passo lento e dondolante della processione, come da tradizione, sono state le note suonate dalla banda musicale. 

Anche in America, a Whitestone nello stato di New York, una costola della confraternita del Cristo Morto e dell’Addolarata presieduta da Salvatore Castelli in collaborazione con il il Borgetto Social Cultural Club Maria Santissima Addolorata  del Romitello  presieduto da Salvatore Giambrone, ha rinnovato la sentita tradizione del paese di origine. In tanti si sono dati appuntamento nell’atrio antistante la chiesa di San Mel, dove i soci del sodalizio hanno commemorato la Passione e la Crocifissione di Gesù Cristo, celebrando la Liturgia della Parola con l’adorazione della Croce e il bacio del Crocifisso. Anche qui, la tradizione è stata ripresa dopo due anni di pausa forzata ed è stata molto apprezzata dalla grande comunità di borgettani che risiede tra Astoria e Whitestone, nel Queens. Molti fedeli hanno preso parte alla celebrazione più importante dell’anno liturgico, con l’annuncio della morte di Cristo in croce e  la lettura della passione secondo Matteo. Anche qui il simulacro del Cristo Morto è stato solennemente portato verso l’altare, avvolto in un lenzuolo bianco da una decina di ragazze. Dopo l’adorazione della Croce e la preghiera universale per le necessità della Chiesa e del Mondo, i due simulacri sono stati portati in Processione per le strade di Whitestone con la stessa tradizionale annacata praticata a Borgetto. Un modo per sentirsi a casa anche se oltreoceano, ma soprattutto per trasmettere alle nuove generazioni le tradizioni e  l’amore per il paese natio. 

play-sharp-fill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy