Carini, il Bilancio di 2 anni di Centrale Unica per erogazione di Aiuti Alimentari (Video)

Da 2 anni la Centrale Unica di Erogazione di Aiuti Alimentari, coordinata dagli Uffici dei Servizi Sociali Comunali e dalla Protezione Civile di Carini, sta svolgendo un lavoro importantissimo.

La Centrale, che ha sede in un bene confiscato alla Mafia a Villagrazia di Carini, ha funzionato molto bene grazie al lavoro di concertazione che l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Carini ha posto in essere, con la Ripartizione Terza del Comune, e la costruzione di una Rete efficace di Istituzioni e Associazioni impegnate nelle attività di Solidarietà sul territorio

La centrale di erogazione degli aiuti alimentari – la cui distribuzione per gli affetti Covid-19 è stata coordinata dalla Polizia Municipale, per tramite del Commissario Antonio Badalamenti, e in sede dall’Associazione di Volontariato e Protezione Civile di Villagrazia di Carini – ha consentito di evitare sprechi e disuguaglianze nella distribuzione, ma anche di avere un osservatorio permanente sulle disuguaglianze socio-economiche del territorio. 

Grazie alla decisiva collaborazione delle Parrocchie San Giuseppe alla Stazione, Sacro Cuore, Maria SS Delle Grazie di Villagrazia di Carini, del Banco per le Opere di Carità dell’Associazione Banco Alimentare, la Centrale serve tuttora 600 famiglie, che sono arrivate fino a un massimo di 900  durante l’emergenza pandemica, fornendo beni essenziali per una vita dignitosa. 

È da sottolineare l’efficacia della raccolta di generi alimentari da parte delle parrocchie di San Giuseppe alla Stazione e Maria SS Delle Grazie di Villagrazia di Carini, durane le feste natalizie e pasquali degli ultimi 2 anni, che ha prodotto un maggiore rifornimento di generi alimentai in quei periodi e consentito una maggiore affluenza di utenza.  

Per ampliare l’intervento e renderlo sempre più strutturale, su proposta del Gruppo Avanti Carini – Centopassi per la Sicilia e condiviso dalla Maggioranza, è stato recentemente approvato in Consiglio Comunale il regolamento per l’Istituzione dell’Emporio Solidale Comunale 

L’istituzione dell’Emporio Solidale servirà  per far confluire stabilmente, grazie al supporto logistico delle associazioni di volontariato, le derrate fornite dagli enti caritativi ma anche le eccedenze alimentari delle Grandi Catene di Distribuzione. 

Ma l’Emporio Solidale può servire inoltre per favorire nuove forme di mutualismo ed assistenza, che affranchino i cittadini che vivono condizioni di disagio socio – economico, favorendo il loro ingresso in percorsi virtuosi di integrazione sociale e lavorativa e la creazione di occasioni per incidere in profondità anche su condizioni di povertà educativa dei minori appartenenti a nuclei familiari a basso reddito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture