Montelepre, Terranova: “su potenziamento CCR l’opposizione arriva tardi”

“Come al solito la minoranza arriva in ritardo”. Esordisce così il sindaco di Montelepre Giuseppe Terranova in merito al documento politico sottoscritto dal gruppo consiliare Reset che additava il primo cittadino di non stare approfittando del pnrr per potenziare il centro comunale di raccolta ed altri servizi annessi alla strategia “Rifiuti Zero”.

Il comune di Montelepre – sottolinea il primo cittadino in una nota –  ha aderito alla linea di finanziamento per il tramite della SRR, città metropolitana di Palermo, attingendo ai  finanziamenti del PNRR inerente il progetto della tariffa puntuale. Questo consentirà  una costante diminuzione della tariffa di conferimento dei rifiuti solidi urbani  e i particolari saranno poi divulgati alla popolazione in un’apposita conferenza stampa”.

Terranova afferma che l’ente locale presenterà inoltre due progetti riguardanti la compostiera di comunità :il primo su finanziamenti a valere sul PNRR,  verterà su due compostiere di prossimità da allocare presso il CCR di contrada Presti dalla capacità di 80 tonnellate e attraverso  processo di maturazione  anaerobico dei rifiuti organici produrrà fertilizzante naturale.

“Per consentire ciò – aggiunge Terranova – il Comune ha ripreso un progetto del 2019 , ne ha aggiornato i prezzi e , dalle linee di finanziamento del PNRR verranno  finanziate  oltre che  le compostiere anche i lavori di realizzazione riguardo le piattaforme di collocazione, le tettoie, la videosorveglianza e le opere a corredo, costi che nel progetto precedente non erano previsti”.

L’altra compostiera, sempre dalla capacità di 80 tonnellate , sarà finanziata da un bando emesso dal MISE, oggi Ministero della transizione ecologica, da allocare in un appezzamento di terreno da individuare.

“Vogliamo rassicurare la consigliera Crisci e il gruppo RESET – conclude il sindaco Giuseppe Terranova – che parteciperemo a tutti bandi PNRR , FSC e programmazione Europea 2021/2027, cosa che precedentemente avveniva di rado”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture