Processo Game Over, oltre mezzo secolo complessivo di carcere per gli imputati – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Processo Game Over, oltre mezzo secolo complessivo di carcere per gli imputati

Sono 16 le condanne e 9 le assoluzioni al processo in ordinario al tribunale di Palermo scaturito dall’operazione Game Over che mise in risalto un connubio tra mafia e imprenditoria per il controllo soprattutto delle attività collegate ai centri scommesse. Molto meno pesanti comunque le condanne rispetto alle richieste che erano state avanzate dalla Procura di Palermo che che superavano i 130 anni. Il giudice del Tribunale di Palermo, Massimo Corleo, ha comunque inflitto 59 anni e 6 mesi complessivi di pene. La pena più pesante nei confronti del cosiddetto “re delle scommesse” Benedetto Bacchi, imprenditore di 49 anni di Partinico conosciuto col nomignolo di “Nini” a cui sono stati inflitti 18 anni. Lui sarebbe ritenuto la mente dell’organizzazione che avrebbe preso corpo partendo da Partinico e si sarebbe estesa sino a Palermo ed anche oltre. Bacchi, secondo l’accusa, aveva in gestione un marchio di centri scommesse e con l’aiuto della mafia avrebbe fatto affari espandendo i suoi interessi. Bacchi, attraverso i suoi legali Antonio Ingroia e Antonio Maltese, ha continuato sino all’ultimo a professarsi innocente sostenendo al contrario di essere stato vittima della mafia, taglieggiato e minacciato. La tesi difensiva è stata sempre impostata sul fatto che le intercettazioni sarebbero state mal interpretate dalla Procura. Queste le altre pene inflitte: Francesco Lo Iacono (41 anni) a 4 anni; Maurizio Primavera, Fabio Lo Iacono e Francesco Paolo Pace a 3 anni e 4 mesi ciascuno; Salvatore Ingrasciotta a 3 anni; Antonio Pantisano Trusciglio a 2 anni e 9 mesi; Maicol Di Trapani, Antonio Grigoli e Alessandro Rosario Lizzoli a 2 anni e 8 mesi ciascuno; Diomiro Alessi, Domenico Bacchi, Vito Alessio Di Trapani e Giuseppe Italo Pecoraro a 2 anni ciascuno; Francesco Lo Iacono (45 anni) a un anno e mezzo; infine Francesco Regina a un anno.  Dichiarati invece assolti Fabrizio Noto, Agostino Chifari, Maurizio Cossentino, Salvatore Galioto, Francesco Porzio, Vincenzo Lo Curcio, Davide Schembri, Antonio Zicchitella e Giuseppe Grigoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.