Denise Pipitone, la sua famiglia commissiona negli Usa “age progression” – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Denise Pipitone, la sua famiglia commissiona negli Usa “age progression”

È stato reso pubblico il nuovo “age progression” di Denise Pipitone, la piccola scomparsa il 1° settembre 2004 a Mazara  del Vallo. L’immagine ricostruisce come potrebbe essere oggi la giovane che ha appena compiuto 21 anni. Il nuovo invecchiamento è stato realizzato su commissione da Paloma Joana Galzi, Forensic Imaging Specialist di Alexandria, città statunitense della Virginia, attraverso le foto originali di Denise, dei genitori e del fratello. “Buon 21° compleanno Denise. Sappi sempre, ovunque tu sia, che la tua vera famiglia ti ama e non ti ha mai dimenticata. Nel cuore e nella mente tu ci sei! #noinonmolliamo”. E’ quanto si legge sul profilo Facebook di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone che ha deciso di pubblicare il nuovo age progression. Lo scorso 13 ottobre i legali di parte civile, Giacomo Frazzitta per Piera Maggio e Piero Marino per Piero Pulizzi, hanno depositato le rispettive opposizioni alla richiesta di archiviazione presentata dalla Procura di Marsala al Gip per la nuova indagine avviata alcuni mesi fa sul sequestro di Denise Pipitone, che il primo settembre 2004 aveva poco meno di quattro anni. La nuova indagine ha visto coinvolti Anna Corona – madre di Jessica Pulizzi, sorellastra della piccola scomparsa, processata e assolta in tutti i gradi di giudizio dall’accusa di concorso in sequestro di minore,  nonché Giuseppe Della Chiave e due coniugi romani, questi ultimi accusati di false dichiarazioni al pm. Il nome di Giuseppe Della Chiave si legava, invece, alla testimonianza dello zio deceduto Battista Della Chiave, il sordomuto che avrebbe detto di aver visto suo nipote su uno scooter con la piccola Denise in braccio. A seguito dell’opposizione alla richiesta di archiviazione della Procura, adesso il Gip di Marsala dovrà fissare un’udienza per decidere sulle richieste delle due parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.