Partinico, l’Associazione Inikon promuove un “patto di educazione diffusa” – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Partinico, l’Associazione Inikon promuove un “patto di educazione diffusa”

“Scuola, comunità, cittadinanza. Verso il patto di educazione diffusa”. E’ il titolo dell’incontro promosso dall’associazione partinicese Inikon che si terrà venerdì 9 luglio negli spazi della parrocchia SS. Salvatore.

L’incontro – patrocinato dall’Ordine degli architetti di Palermo – si innesta in un percorso già avviato con l’obiettivo di raggiungere un modello di Città Educante: potenziare e integrare l’offerta educativa fornita dalle istituzioni scolastiche cittadine al fine di consentire a bambini e bambine, ragazzi e ragazze, di assumere un ruolo educativo e formativo al di fuori delle mura scolastiche, nella comunità, nella Città.

Il patto di educazione diffusa, quale strumento operativo individuato, dovrebbe coinvolgere scuole di ogni ordine e grado, Chiese, associazioni e terzo settore.

Un atto sociale di notevole importanza come mezzo di contrasto alla povertà educativa e al degrado culturale che vive la nostra società. In programma  percorsi di consultazione, collaborazioni e progetti laboratoriali permanenti nell’ottica di una organica esperienza formativa in favore dei ragazzi.

Per i promotori dell’iniziativa “promuovere il Patto di Educazione Diffusa significa definire una infrastruttura sociale che utilizzi la sinergia come modello di intervento capace di restituire dignità, protagonismo, responsabilità e diritti alle persone, rimettendole al centro dell’interesse pubblico, incoraggiando un rilancio dei processi e dei programmi educativi, superando l’impianto assistenzialistico proprio della scuola chiusa in sé stessa, promuovendo la riduzione della conflittualità sociale e il contenimento del disagio verso un’ottica di sviluppo, di emancipazione e di autonomia. Educare non è solo formare, è anche costruire identità e futuro: una Città Educante mira a formare comunità di cittadini attivi e consapevoli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.