Partinico, fallito il tentativo di rimuovere dal suolo il secolare pino abbattuto – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Partinico, fallito il tentativo di rimuovere dal suolo il secolare pino abbattuto

Ennesimo tentativo fallito, stamani, di rimuovere dal suolo il secolare albero di pino che a causa del vento si è abbattuto su viale Regione la sera del primo maggio scorso.

Questa mattina, sul posto, sono intervenuti gratuitamente i vigili del fuoco del comando provinciale di Palermo che con una gru molto robusta hanno provato a sollevare il massiccio arbusto ma il tentativo è stato vano.

Dopo avere imbracato per bene il tronco  e azionato il carrello mobile, il mezzo meccanico non ha retto il peso dell’albero che continua ad ostruire parte della carreggiata.

La Commissione Straordinaria che guida il comune di Partinico aveva davvero sperato che, questo intervento fosse risolutivo, soprattutto perché a costo zero per l’ente locale che è in dissesto finanziario.

Si allungano dunque i tempi per la rimozione del secolare pino che, per i partinicesi rappresenta un simbolo identificativo dell’area in cui ha svettato fino alle 23,30 del primo maggio scorso, quando il vento lo ha sradicato e abbattuto sull’asfalto.

L’ultimo preventivo, ricevuto dagli uffici comunali dediti al settore ambiente e verde pubblico che si sono rivolti a diverse ditte specializzate per rimuovere l’albero dalla strada, ammonta a 10 mila euro. Una cifra enorme per un comune in default alle prese con tante altre emergenze e problematiche di non facile soluzione.

Ragion per cui, la disponibilità manifestata dal comando provinciale dei Vigili del Fuoco nei confronti del Comune di Partinico è stata ben accetta dalla Commissione Straordinaria, nella speranza di porre fine al problema nella maniera più indolore possibile.

Ma purtroppo, l’intervento non ha sortito gli effetti sperati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.