Carini, il comune chiude il Campo Pasqualino e il Polivalente della zona Peep – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Carini, il comune chiude il Campo Pasqualino e il Polivalente della zona Peep

Dopo i sigilli al parco giochi Domino di Villagrazia di Carini, anche il Campo Pasqualino e il polivalente di via Padre Pietro Migliore sono stati sbarrati. Stavolta sarebbero stati gli uffici comunali di settore, però a deciderne la chiusura, dopo sopralluoghi tecnici effettuati negli stessi impianti sportivi da cui sarebbero emerse criticità e dubbi sul rispetto delle norme di sicurezza. Tali verifiche seguono la tragica fine del piccolo Gabriele Conigliaro che, ha perso la vita nel parco giochi Croce Sofia dove l’8 luglio scorso il piccolo era entrato con dei suoi coetanei, nonostante il cancello fosse chiuso, per giocare a pallone. Il dodicenne, purtroppo, è stato travolto dalla porta del campetto di calcio che non era ben ancorata al suolo. Gabriele si era appeso alla traversa per emulare i grandi portieri, ma la struttura non ha retto il suo peso e inclinandosi in avanti è finita per rovesciarsi colpendolo fatalmente alla testa e al torace. Una disgrazia che ha scosso l’intera comunità e che ha portato la procura della Repubblica di Palermo ad aprire un’inchiesta per accertare eventuali responsabilità. Dopo il sequestro del parco Croce Sofia, sono seguiti controlli interforze nel parco Claudio Domino di Villagrazia di Carini. Qui, caschi bianchi, fiamme gialle e carabinieri hanno apposto i sigilli dopo aver ispezionato l’ancoraggio delle porte del campo di calcio, risultate non a norma. Ieri, invece, il campo Pasqualino e la struttura polivalente che insiste a ridosso della cosiddetta zona Peep sono stati chiusi d’ufficio dopo un minuzioso sopralluogo tecnico. Occorreranno degli interventi per rimettere in sicurezza gli impianti sportivi primi di renderli nuovamente fruibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.