Castellammare del Golfo, plastic free: si ripuliscono le terme segestane – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Castellammare del Golfo, plastic free: si ripuliscono le terme segestane

Secondo appuntamento con l’iniziativa ambientale di raccolta plastica patrocinata dal Comune di Castellammare del Golfo a cura dell’associazione Plastic Free che prevede anche un breve trekking in collaborazione con la sottosezione di Castellammare del Cai e del Gei, gruppo escursionisti Inici. I volontari di Plastic free si incontreranno domenica 27 giugno alle ore 16 alla “vaccheria” per poi raggiungere, dopo una breve passeggiata di circa 3 km guidata dal Cai, le terme Segestane, dove sarà effettuata la raccolta. Un appuntamento che unisce trekking e amore per i luoghi e la natura con la possibilità, dopo l’attività di raccolta plastica, di immergersi nelle acque calde, le antiche e mitiche “aquae segestane”. «Iniziative sinergiche a tutela dell’ambiente ed alla riscoperta di luoghi naturalistici di pregio che l’amministrazione comunale condivide e patrocina come questa seconda attività organizzata dall’associazione Plastic Free che, con i suoi referenti locali, Toti Castronovo e Andrea Asaro, ringraziamo per le importanti attività, unitamente alla sottosezione di Castellammare del Cai e del Gei ed a tutti i volontari – affermano il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore all’Ambiente Vincenzo Abate -. Dopo il riscontro della prima iniziativa di raccolta alla spiaggia Playa, che ha visto l’impegno di circa 150 volontari dell’associazione plastic free, e subito dopo questo secondo momento alle terme segestane, siamo certi che con l’associazione plastic free, il Cai, Gei e altre associazioni che propongono iniziative di tutela e decoro ambientale, continueremo a collaborare condividendone il fine. Fare rete per migliorare e rispettare sempre più l’ambiente in cui viviamo». Plastic free è un’associazione di volontariato nata nel 2019 con l’obiettivo di informare e sensibilizzare più persone possibili sulla pericolosità della plastica, in particolare quella monouso. Nata come realtà digitale, nei primi 12 mesi ha raggiunto oltre 150 milioni di utenti e oggi ha oltre 900 referenti in tutt’Italia ed è impegnata su più progetti, dalla raccolta nelle spiagge e città al salvataggio delle tartarughe, dalla sensibilizzazione nelle scuole al progetto con i Comuni, dal Plastic Free Walk al Plastic Free Diving.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.