Partinico, corriere della droga fermato a Palermo: aveva 2 Kg di cocaina – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Partinico, corriere della droga fermato a Palermo: aveva 2 Kg di cocaina

Corriere della droga partinicese fermato dalle fiamme gialle a Palermo. Si tratta del 40nne  Gianvito Inghilleri.  I finanzieri del comando provinciale   hanno rinvenuto a bordo della sua autovettura oltre 2 kg di cocaina.

L’uomo si è imbattuto in posto di blocco nel quartiere popolare palermitano di Brancaccio che, in questo periodo di emergenza sanitaria è  particolarmente presidiato anche dai finanzieri.

Nonostante il coprifuoco, il partinicese circolava in orario notturno e quindi è stato fermato.

Inghilleri si sarebbe subito mostrato particolarmente nervoso, adducendo motivazioni poco chiare riguardo alla sua presenza nel capoluogo siciliano, comportamento che ha insospettito i militari che hanno deciso di approfondire i controlli a suo carico.

Inghilleri è stato così sottoposto alla perquisizione veicolare e domiciliare. All’interno del mezzo a cui è stato intimato l’alt, è stato trovato nascosto un involucro di plastica con all’interno due involucri sottovuoto contenenti panetti di cocaina per un peso complessivo di 2 Kg e 300 grammi.   La successiva perquisizione eseguita a Partinico nell’abitazione del quarantenne  ha consentito di sequestrare altri 13 grammi di cocaina che, i militari hanno trovati nascosti all’interno di una casacca sportiva riposta in un armadio.

Secondo le fiamme gialle, le sostanze stupefacenti rinvenute,  una volta immesse sul mercato, avrebbe fruttato al dettaglio circa 150 mila euro. Per Gianvito Inghilleri è scattato l’arresto in flagranza di reato. L’uomo è stato ristretto presso la casa circondariale “Pagliarelli-Lorusso” di Palermo, a disposizione della locale Procura della Repubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.