Montelepre, riunioni e tavolate familiari fanno riesplodere i contagi in paese – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Montelepre, riunioni e tavolate familiari fanno riesplodere i contagi in paese

Torna lo spettro dell’emergenza coronavirus a Montelepre dove impennano nuovamente i contagi. 23 i casi positivi al Covid, 14 le persone in quarantena perché entrate in contatto con i contagiati; 4 sono ricoverati in Covid Hospital, altrettanti i soggetti che si sono negativizzati.

L’ultimo bollettino diramato dal sindaco Maria Rita Crisci oltre ad evidenziare la presenza di 12 casi in più in soli 5 giorni, sottolinea che il covid ha contagiato interi nuclei familiari e più di un nucleo collegato con legami stretti di parentela.

Ciò denota che le festività appena trascorse e la calma apparente degli ultimi mesi hanno indotto molte persone ad abbassare la guardia, non disdegnando riunioni e tavolate familiari.

Montelepre ha già pianto molte vittime di covid. Una decina quelle scomparse tra i mesi di novembre e dicembre quando la curva dei contagi era arrivata a contare circa 90 positivi. E proprio negli ultimi giorni la comunità è stata colpita dall’ennesimo lutto con la morte di un medico, il 60enne Michelangelo Zafarana, in servizio nelle guardie mediche di Montelepre e Giardinello. Era conosciuto da tutti in paese, oltre perché ottimo professionista, ma soprattutto perché era una bravissima persona, ligia al dovere, dai grandi valori e principi morali, con grande senso dell’humor, legatissimo alla moglie, la ginecologa monteleprina Anna Maria Polizzi e alla figlia 23enne Chiara che ha lasciato nel totale sconforto.

Ricoverato al Covid hospital di Partinico lo scorso mese di dicembre dopo avere contratto il coronavirus, le sue condizioni sono via via peggiorate fino ad entrare in uno stato di coma da cui non si è più svegliato. Il suo cuore si è fermato tre mesi dopo, in un letto dell’Ismett, a Palermo dove era stato successivamente trasferito.

Tele Occidente rivolge un sentito messaggio di cordoglio alle famiglie Zafarana, Polizzi e Randazzo per la grave perdita subita.

“Indossare la mascherina, non solo negli spazi pubblici ma anche in luoghi privati, al chiuso, quando siamo in presenza di persone diverse dai nostri conviventi, tenere la distanza e igienizzare le mani non sono solo obblighi di legge ma norme di sicurezza che servono a ridurre il rischio di essere contagiati o contagiare – ribatte il sindaco di Montelepre Maria Rita Crisci – la notizia del medico deceduto nei giorni scorsi e di 4 nuovi ricoveri servano da ammonimento per tutti. Non so più che parole usare – conclude – per ricordarvi di non abbassare la guardia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.