Partinico, studenti a confronto con le forze dell’ordine sulla violenza sulle donne – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Partinico, studenti a confronto con le forze dell’ordine sulla violenza sulle donne

 Nell’ambito delle iniziative promosse dalla Commissione Straordinaria del Comune di Partinico per favorire il dialogo ed il confronto tra i giovani e le Istituzioni il prossimo 8 marzo alle ore 12, nel rispetto delle norme anti covid è stato programmato un incontro in modalità webinar con gli studenti degli Istituti d’Istruzione Superiore di Partinico, dedicato  ad un tema di grande attualità ed interesse: il fenomeno della violenza sulle donne, vittime ancora oggi nella nostra società di comportamenti discriminatori e violenti, anche e soprattutto nell’ambito della famiglia e della relazione di coppia, in cui un rapporto malato di amore inteso come esercizio di potere e di possesso sfocia, come le notizie di cronaca rimandano molte volte, in efferati delitti, quali quelli che sono stati  recentemente commessi anche in questa provincia.

L’iniziativa formativa è stata organizzata con la collaborazione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo, della Questura,  del Comando Provinciale dei Carabinieri e dell’ Ufficio Scolastico Provinciale e vedrà la partecipazione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, dr.ssa Claudia Caramanna, del dr. Carlo Nicotri, Vice Questore Aggiunto, Dirigente del Commissariato di P.S. di Partinico, del Maresciallo Ordinario Alessia Neve, della “Rete Antiviolenza Carabinieri-R.A.C.”, che nei loro interventi condivideranno con i ragazzi il frutto della propria esperienza professionale sul tema, declinando gli aspetti giuridici e le strategie di prevenzione relative alla violenza di genere.

Saranno coinvolti i giovani studenti dell’I.I.S. Corbino, dell’IT “C.A. Dalla Chiesa, dell’I.I.S.S. Danilo Dolci, del Liceo Santi Savarino, che hanno risposto con immediatezza ed entusiasmo all’invito della Commissione a fornire un proprio contributo,  traducendo le proprie riflessioni in prosa o disegni  che  sono stati poi utilizzati per il progetto grafico della locandina relativa all’evento, che richiama con efficace cifra simbolica il dolore della donna vittima di atti di violenza, egoistici sentimenti di possesso e stereotipati modelli socio-culturali, ma anche la voglia ed il coraggio di reagire con la forza che contraddistingue la donna stessa, spesso relegata in ruoli penalizzanti, sottesi  al mantenimento di modelli sociali di debolezza ed invece capace di autodeterminarsi con fierezza e dignità.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.