Castellammare del Golfo, Lombardo: “troppe violazioni ambientali a Scopello e dintorni” – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Castellammare del Golfo, Lombardo: “troppe violazioni ambientali a Scopello e dintorni”

  “Il tratto di costa tra la Riserva Naturale Orientata dello Zingaro e il territorio di Castellammare del Golfo fino a Scopello affondano da anni nell’incuria e nel degrado. Nonostante le denunce dei comitati e delle associazioni ambientali, gli Enti locali pare continuino a tacere. Per questa ragione chiedo al ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani di avviare azioni di concerto con le autorità locali volte al contrasto e alla definitiva eliminazione delle innumerevoli criticità della zona costiera della provincia trapanese”. A chiederlo è il deputato nazionale Antonio Lombardo che con una interrogazione chiede al neo ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani interventi in merito al recupero ambientale dell’area di Scopello e più in generale nel territorio trapanese. “In ampie zone della baia di Scopello – spiega Lombardo – non è garantito l’accesso al mare, le sue bellezze naturali e paesaggistiche sono mortificate dal troppo cemento e gli antichi sentieri sono ormai dimenticati e stravolti. L’esplosione del turismo, decisivo nello sviluppo di un’intensa urbanizzazione che non ha risparmiato neppure le adiacenti aree montane all’interno dei siti ‘pluriprotetti’, nel periodo estivo provoca una significativa crescita delle presenze. Anche i comuni limitrofi hanno registrato un aumento rilevante dell’attività turistica con il conseguente moltiplicarsi degli interventi edilizi che ha impoverito drasticamente le qualità ambientali e paesaggistiche del territorio. Nonostante le molteplici criticità evidenziate in apposite relazioni cartografiche e fotografiche presentate da Legambiente e altre associazioni alle autorità locali e regionali, pare che nulla sia cambiato e che le presunte violazioni alle normative nazionali e comunitarie lungo tutta l’area costiera non abbiano subito stop. L’area del Trapanese non merita un simile scempio così come ovviamente non lo meritano i siti naturalistici di cui la Sicilia è dotata. Per questa ragione – conclude Lombardo – non è più rinviabile un intervento del ministero che auspico avvenga a breve”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.