Castellammare del Golfo, approvato regolamento su scontistica Tari per chi conferisce nel ccr – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Castellammare del Golfo, approvato regolamento su scontistica Tari per chi conferisce nel ccr

Sconto sulla Tari per i cittadini che usufruiscono del centro comunale di raccolta per conferire i rifiuti: il consiglio comunale guidato dal presidente Mario di Filippi, all’unanimità dei presenti (11 consiglieri su 16), ha approvato un regolamento che prevede incentivi a favore dei cittadini che effettuano maggiormente e correttamente la differenziata, conferendo nel centro comunale di raccolta di contrada Pagliarelli.

Il regolamento approvato, su proposta della commissione consiliare congiunta (I e III presieduta rispettivamente dai consiglieri Portuesi e Napoli), prevede una premialità economica che riguarda la riduzione della tassa sui rifiuti, corrispondente alla somma maturata con gli “eco-punti”, che saranno calcolati ogni anno in base al numero di conferimenti nel centro di raccolta. Il cittadino accederà con la propria tessera ed i rifiuti conferiti saranno pesati e registrati con sistema informatizzato: nel Ccr, infatti, possono portare i rifiuti gli utenti censiti ed in regola con il pagamento della tassa. 

Il Comune prevederà annualmente un importo per finanziare il bonus: il massimo attribuibile a ciascuna utenza non potrà superare il 40% dell’importo pagato per la tassa rifiuti e riguarderà la riduzione della tariffa dell’anno successivo. Per le utenze domestiche è previsto un coefficiente in funzione del numero di componenti il nucleo familiare, come specificato nel dettagliato regolamento composta da 10 articoli: il gestore del Ccr, cioè l’Agesp, trasmetterà al Comune l’elenco degli utenti censiti con le quantità di rifiuto differenziato conferito e l’ufficio tributi attribuirà gli eco-punti e redigerà la graduatoria degli aventi diritto al bonus. 

«Ringraziamo l’intero consiglio comunale per l’approvazione del regolamento poiché è importante incentivare la raccolta differenziata dei rifiuti e l’utilizzo del centro comunale di raccolta, finalmente attivo in città -afferma il sindaco Nicolò Rizzo-. Con l’avvio del nuovo servizio di raccolta abbiamo già raggiunto ottimi risultati ma occorre incentivare i cittadini virtuosi ed abituare all’utilizzo del centro di raccolta così da ridurre ulteriormente la produzione dei rifiuti da conferire in discarica ed ottenere risparmio in termini di costi di conferimento e spesa dei cittadini. Inoltre il riciclo ed il recupero sono un importante strumento di tutela dell’ambiente».

Il consiglio comunale -sempre all’unanimità degli 11 consiglieri presenti- ha approvato anche un altro importate regolamento, proposto dalla III commissione consiliare presieduta dalla consigliera Napoli, che riguarda “l’emergenza abitativa”, cioè disciplina l’assegnazione e le modalità di gestione degli alloggi nella disponibilità del Comune, per cittadini che si trovano in situazioni di emergenza economica e non possono permettersi un alloggio. Secondo gli articoli del regolamento l’assegnazione, che avviene a seguito di verifica da parte dei servizi sociali, è temporanea e non può superare i 12 mesi.  

«Un altro importantissimo provvedimento sociale approvato unanimemente dal consiglio comunale che prevede un supporto a chi è in seria difficoltà economica sottolinea il sindaco Nicolò Rizzo -. Negli ultimi anni c’è stato un significativo aumento dei casi di emergenza abitativa per sfratti, o per morosità e la crescita del numero di famiglie che chiedono un sostegno economico anche per poter far fronte al pagamento dell’affitto. La dotazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica non è sufficiente per fronteggiare le situazioni di emergenza ed abbiamo, pertanto, ritenuto necessario assumere ulteriori iniziative adeguate a garantire una sistemazione temporanea per nuclei familiari in grave situazione di fragilità socio-economica evitando anche il possibile ricorso a forme di assistenza che impongono costi maggiori per il ricovero, in comunità o alberghi, dei nuclei familiari più fragili».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.