Castellammare del Golfo, botte alla compagna: i carabinieri denunciano convivente – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Castellammare del Golfo, botte alla compagna: i carabinieri denunciano convivente

Un alcamese è finito nei guai per aver picchiato la propria compagna castellammarese. L’aggressione è avvenuta all’interno dell’abitazione in cui la coppia convive nella cittadina costiera, esattamente nella frazione di Balata di Baida. In seguito ad alcune segnalazioni pervenute al 112, i militari  della locale stazione sono intervenuti sul posto, scoprendo che l’uomo, un alcamese di 37 anni con precedenti di polizia, avesse pesantemente messo le mani addosso alla compagna, una castellammarese di 64 anni. Le botte subite dall’anziana convivente le avrebbero provocato la frattura del piede sinistro. Dettaglio che ha fatto scattare la denuncia nei confronti del 37enne alcamese per lesioni personali aggravati.  Continua senza sosta l’impegno profuso dai Carabinieri della provincia di Trapani nel contrastare la cosiddetta violenza di genere su tutto il territorio di competenza.  Altri due gli interventi eseguiti nelle ultime ore per casi analoghi,   a Petrosino e a Mazara del Vallo. L’impegno dell’Arma dei Carabinieri, così come nel resto d’Italia, è sempre più concentrato sull’obbiettivo di instaurare un dialogo con la vittima basato sulla fiducia in modo da abbattere il numero oscuro dei maltrattamenti e, con la collaborazione delle Procure della Repubblica e dei Centri Anti-violenza, avviare un percorso di tutela e assistenza alla vittima.

Per raggiungere questo scopo, l’Arma si è dotata della “Rete Nazionale di Monitoraggio sul Fenomeno della Violenza di Genere”, composta da personale appositamente addestrato, ed ha avviato con successo il progetto denominato “Una stanza tutta per sé”, in collaborazione con l’associazione “Soroptimist International d’Italia”, che consiste nell’allestimento – grazie al contributo dell’associazione – di locali idonei all’ascolto protetto di donne e minori vittime di violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.