Carini, i caschi bianchi setacciano i rifiuti per multare gli “sporcaccioni” – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Carini, i caschi bianchi setacciano i rifiuti per multare gli “sporcaccioni”

Giro di vite dei caschi bianchi a Carini contro lo scorretto smaltimento dei rifiuti. La polizia municipale guidata dal comandante Marco Venuti ha intensificato i controlli, effettuando sopralluoghi congiunti con il personale della ditta che gestisce il servizio di raccolta e passando a setaccio il territorio comunale. Particolare attenzione è stata rivolta ai condomini ed agli esercizi commerciali che non procedono ancora, dopo tanti anni dall’introduzione della raccolta differenziata dei rifiuti, ad una corretta differenziazione della spazzatura prodotta. Sono gia’ cinque le persone che si vedranno arrivare a casa un verbale. A loro è riservata  una multa da 167 euro, se pagata entro 60 giorni, per violazione dell’ordinanza sindacale che regola i doveri degli utenti. A loro si è arrivati attraverso dati sensibili rinvenuti all’interno dei sacchetti della spazzatura controllati. “Oltre che agli abbandoni illeciti nelle aree periferiche – dice il comandante Marco Venuti –  fenomeno da tempo fronteggiato anche grazie al moderno sistema di videosorveglianza in uso alla nostra centrale operativa, d’intesa con l’amministrazione comunale abbiamo deciso di collaborare con la ditta per fronteggiare il fenomeno dell’indifferenziazione dei rifiuti che aggrava notevolmente i costi a carico delle casse comunali”. Il Servizio proseguira’ nei prossimi giorni, su tutto il territorio, dal Centro Storico a Piano Agliastrelli, sino a Villagrazia di Carini e vedrà impegnato, anche personale in borghese autonomo a bordo di autopattuglie “civetta”. “Spiace dover ricorrere alle sanzioni – commenta il sindaco Giovì Monteleone – ma lo facciamo a beneficio della cittadinanza tutta che, oltre ai problemi igienico-sanitari, deve far fronte a costi ormai divenuti insostenibili. Confido nel senso di responsabilità e invito tutti a mettersi in regola nel fruire del servizio di raccolta “porta a porta”, peraltro ormai in vigore da tanti anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.