Partinico, chiude dopo 102 anni, lo storico panificio Toia “Magghetta” (Video)

di Enrico M. Calagna     

Dopo 102 anni, cessa l’attività il panificio Toia di corso dei Mille.  Il titolare, Claudio Toia, per tutti “Ustino”,va in pensione. Ha aspettato la fine del 2020 per sfornare gli ultimi filoni ed abbassare per sempre la saracinesca. E’ l’ultimo erede di tre generazioni di fornai. La famiglia Toia, infatti, portava avanti l’attività dal 1918, di padre in figlio. Cominciò nonno Agostino, in un locale poco distante dall’attuale negozio, al quale subentrò Salvatore, il papà di Claudio, e poi toccò a lui la gestione.  Il signor Toia, 74 anni, al panificio ha dedicato una vita intera. A 9 anni faceva già le prime consegne a domicilio.

La sveglia prima dell’alba. L’accensione del forno a legna, l’impasto e la sfornata. Riti logoranti ai quali Agostino si è sottoposto per produrre un pane artigianale che arrivava ogni giorno sulla tavola di tanti partinicesi e non solo. Memorabili la pasta fresca, le treccine e lo sfincione.   

Per qualche tempo, lo hanno affiancato la moglie Nuccia, a servire i clienti, e i figli Ivan e Dino, ma ora loro hanno scelto di dedicarsi ad altro. Con la chiusura  del panificio Toia se ne va un pezzo di storia locale. “Ustino”, persona affabile e sempre pronto alla battuta, resterà nella memoria collettiva, compreso quell’appellativo “Magghetta”, dal nome di un formato di pasta,  che lo ha reso celebre.

play-sharp-fill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy