Terrasini, era di Vito Lo Iacono il corpo senza vita rinvenuto a giugno in Calabria

L’unica buona notizia è che a breve anche il comandante del motopesca Nuova Iside di Terrasini avrà degna sepoltura, ma è a dir poco sconcertante il fatto che solo a distanza di 6 mesi dal ritrovamento del corpo rinvenuto l’11 giugno scorso a San Ferdinando in Calabria sia stata accertata la sua identità.

La notizia è stata comunicata alla madre di Vito Lo Iacono, solo questa mattina, dalla Procura di Palermo che ha ricevuto i relativi atti da quella di Palmi a cui i familiari della vittima si erano recentemente rivolti attraverso i legali Aldo Ruffino e Francesca Comito per conoscere i risultati biologici degli accertamenti eseguiti.

La madre e la sorella di Vito Lo Iacono si erano sottoposte all’esame del dna lo scorso 25 settembre per procedere alla comparazione con i resti del corpo senza vita restituito dal mare in Calabria 6 mesi fa. Da allora silenzio assoluto.

Vito Lo Iacono risultava disperso dopo la tragedia del motopesca Nuova Iside in cui oltre a lui, persero la vita anche il padre Matteo e il cugino Giuseppe. Sul l’affondamento del Motopesca c’è un’inchiesta aperta della procura e 4 indagati riconducibili alla petroliera Vulcanello con cui avrebbe avuto una collisione.

La perizia redatta dai consulenti tecnici Francesco Introna, Pietro Tarzia e Alessia Leggio, dopo un’attesa lunga cinque mesi, era stata depositata invece il 23 novembre a Palmi, da qui la trasmissione del fascicolo in Sicilia, al magistrato che indaga sul gravissimo sinistro in mare costato la morte dei tre pescatori e l’affondamento della Nuova Iside. Dalla consulenza è emersa la piena compatibilità tra il campione genetico ricavato dai prelievi sui familiari di Vito Lo Iacono e quello dei campioni acquisiti dal cadavere recuperato. Ad indirizzare gli inquirenti, sin dal ritrovamento, alcune tracce di inchiostro sui pochi lembi di carne rimasti sul corpo, ciò che restava – quindi – di un tatuaggio marinaresco che aveva il giovanissimo pescatore di Terrasini.

Rosalba Cracchiolo adesso potrà portare un fiore anche sulla tomba del figlio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy