Partinico, fake news su covid-19 : i parroci smentiscono presunti contagi

 Fake news che circolano da ieri su gruppi wattsapp  diffondono false notizie su presunti contagi da coronavirus a Partinico. A scatenare questa incontrollata smania di caccia all’untore sarebbe stata la notizia inerente la positività riscontrata su due donne che frequentano gruppi ecclesiastici locali e che recentemente avrebbero preso parte ad alcune celebrazioni pubbliche molto partecipate. Da qui la necessità di smentire ulteriori casi positivi di covid-19 e situazioni di pericolo igienico sanitario, da parte di tutti i parroci di Partinico. In una lettera congiunta, i sacerdoti, sottolineano che, ad oggi, nessuno di loro risulta contagiato dal coronavirus e che le parrocchie e le chiese rettorie   continuano a svolgere il normale percorso di sostegno umano e spirituale ai fedeli. Tutte le chiese e gli ambienti annessi – si legge nella nota – vengono  continuamente sanificati. Inoltre, nei luoghi di culto, sia per la preghiera personale che per la preghiera comunitaria, si attuano con costante diligenza tutti i protocolli stabiliti dai Dpcm  per  contrastare il diffondersi del coronavirus:uso di mascherine – igienizzazione delle mani – distanziamento personale”. La vicenda riflette lo stato di panico che vive la popolazione di fronte all’incremento dei contagi in città. 14 ad oggi i casi positivi al covid-19 a fronte di una popolazione che supera i 40 mila abitanti. Chi si diverte a diffondere false notizie basate su supposizioni strettamente personali, anche in gruppi privati,  dovrebbe sapere che rischia la denuncia di procurato allarme. Pertanto si occupassero  di rispettare meglio le norme per contrastare i contagi ,piuttosto che cimentarsi in iniziative volte a conoscere l’identità delle persone positive, per investigare sui relativi contatti e diffondere ipotesi di  conseguenze disastrose basate sul nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy