Carini, commercio: il comune chiarisce dubbi su aperture domenicali e festive

A distanza di circa due settimane dall’entrata in vigore del D.P.C.M. del 17 maggio scorso e della conseguente Ordinanza del Presidente della Regione siciliana, continuano a pervenire agli uffici del comune di Carini numerose richieste di chiarimenti riguardanti lo svolgimento delle attività commerciali nelle giornate festive e domenicali.  Dubbi, legittimi che  traggono origine dal proliferare spasmodico di norme anti-covid sviluppatosi in un ristrettissimo lasso temporale che ha modificato ripetutamente le regole in materia di esercizio di attività economiche. Allo stato attuale, in virtù delle disposizioni  in vigore,  è stata disposta la chiusura al pubblico nei giorni domenicali e festivi di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati, fatta eccezione per le farmacie, le edicole, i bar, la ristorazione ed i fiorai. È autorizzato nelle superiori giornate anche il servizio di consegna a domicilio di generi alimentari e di prima necessità sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, nonché dei combustibili per uso domestico e per riscaldamento. Rimangono chiusi nei giorni domenicali e festivi i centri commerciali e gli outlet.   L’art.10, co.1 dell’ordinanza n.21 del 17 maggio 2020, nella parte in cui esclude dall’obbligo di chiusura al pubblico “le farmacie, le edicole, i bar, la ristorazione e i fiorai”, va interpretato nel senso che nel suddetto novero di esclusioni vanno ricompresi, le pasticcerie, i panifici e i mercati del contadino che, pertanto, potranno scegliere se osservare o meno l’apertura al pubblico nei giorni domenicali e festivi, e ciò tenuto  conto della omogeneità contenutistica delle attività svolte con quelle espressamente autorizzate dall’ordinanza, e i tabacchi, per le particolari finalità svolte  nelle giornate domenicali e festive. In altre parole, nei giorni festivi e domenicali possono restare aperti : edicole, farmacie, fiorai, bar, ristoranti, panifici, rosticcerie e pasticcerie, mercati del contadino e tabaccai. Restano chiusi al pubblico centri commerciali ed outlet.  “Tutto ciò – dice il sindaco di Carini Giovì Monteleone – ha validità fino al 7 giugno prossimo.  Entro tale data, infatti, sono attese le nuove decisioni governative che disciplineranno, ancora una volta, lo svolgimento delle attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy