Balestrate, Consiglio Comunale online bacchetta da più fronti il sindaco Rizzo

Analisi, riflessioni sul porto, sull’emergenza di questi mesi, sul futuro di Balestrate sono state al centro dei lavori del Consiglio Comunale di Balestrate che, ieri sera si è riunito online. Preoccupante, la situazione finanziaria dell’ente locale emersa durante il dibattito. Secondo l’opposizione il Comune rischia seriamente di essere travolto da contenziosi e debiti di ogni tipo. Ci sono una serie di cause che a breve potrebbero mandare gambe all’aria i conti.  Come nel caso della compagnia assicurativa fallita. Il comune è attualmente privo di copertura assicurativa e vi sarebbero già due cause intentate contro l’ente locale,   per un totale di circa 120 mila euro. Maggioranza ed opposizione si sono costruttivamente confrontati, anche se non sono mancati alcuni momenti di tensione.   E’ stata fatta chiarezza sulla gestione dell’emergenza coronavirus, sui buoni spesa, su come sono stati organizzati gli aiuti.  Il Consigliere De Amicis ritiene che ci sarebbero state delle ingiustizie, avendo appurato che mentre 70 cittadini non hanno potuto beneficiare del sostegno economico, qualcuno avrebbe pure pescato a due volte.  L’ assessore  Saputo e il consigliere Taormina, che durante l’emergenza sono stati in prima linea anche nella materiale distribuzione, hanno difeso l’operato, “ci siamo messi in gioco perché era quello che ci sentivamo di fare, da volontari,  potremo aver fatto degli errori ma era una emergenza mai vista” hanno detto. Il dibattito è andato avanti fino a notte fonda. Tonino Palazzolo ha ribadito la disponibilità a collaborare con la giunta Rizzo, più volte respinta, e anche Giuseppe Curcurù ha ricordato che il sindaco non ha manco risposto a ben sette proposte avanzate. Piera Chiarenza ha invece chiesto perché pur essendoci i soldi,  i rimborsi dei bus non sono ancora arrivati e sono fermi a settembre. De Amicis e Rosario Vitale hanno sollevato il problema acqua, ormai inquinata da cinque giorni, col problema dell’alga rossa nell’invaso Poma e una interruzione che proseguirà in alcune contrade fino a lunedì. Il sindaco Vito Rizzo ha chiesto aiuto a  tutte le forze del paese, perché, ha detto che bisognerà lavorare uniti per superare la crisi. Una richiesta che per l’opposizione arriva tardiva, essendosi più volte messi a disposizione ma restando ignorati.  Il Consigliere di maggioranza Mimmo Cavataio, quando ha preso la parola ha voluto subito ricordare l’unica vittima del covid-19 a Balestrate, Rosario Cappello, facendo notare con commozione tutto il suo disappunto perché la commemorazione non era stata fatta in apertura dei lavori. “  Poi le riflessioni sul porto, “che non sta dando quello che potrebbe dare per Balestrate e i cittadini, e nella conferenza di servizi alla Regione mancava la società”.  Cavataio ha criticato il presidente del Consiglio per non avere convocato prima i lavori, ed ammesso errori che,  potevano essere evitati,  se il sindaco Vito Rizzo avesse  coinvolto tutto il Consiglio Comunale. “Sindaco e presidente del Consiglio – da detto Cavataio –  dovevano essere loro a contattare e coinvolgere tutti, Rizzo invece,  ha voluto decidere tutto da solo. L’apertura fatta oggi dal sindaco, andava espressa oltre due mesi fa, per istinto verrebbe di negargliela, ma collaboreremo – prosegue Cavataio rimproverando al primo cittadino che forze dovrebbe fare  qualche conferenza su Faceboook in meno e qualche videochiamata in più ai Consiglieri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy