Isola delle Femmine, importante passo avanti per la messa in sicurezza del porto (Video)

L’Assessorato Regionale alle Infrastrutture  ha trasmesso il decreto di finanziamento di oltre 185 mila euro  del Fondo di Rotazione per la Progettazione, al fine di effettuare gli adempimenti finali per rendere cantierabile il Progetto di Messa in Sicurezza del Porto di Isola delle Femmine. Si tratta di un’importante opera pubblica di circa 42 milioni di euro che consentirà l’ampliamento dell’infrastruttura da 92 a 380 metri. Grazie a questi fondi si procederà alla verifica della cantierabilita’ del progetto ai sensi dell’art.26 del decr. lgs 50/2016, il cui intervento è già stato affidato con gara espletata dal CEV. E’ stata firmata una convenzione con il Dipartimento Ingegneria dell’Università di Catania per le prove sul modello fisico. La relazione archeologica già in corso  è stata affidata alla Sovrintendenza del Mare. Per le indagine geofisiche sui fondali, che cominceranno nei prossimi giorni, la Direzione Marittima della Capitaneria ha già firmato l’ordinanza di Autorizzazione. Entro il mese di Dicembre,   a conclusione di queste ultime certificazioni e verifiche di cantierabilita’,  il Progetto del Porto di Isola delle Femmine potrà essere finanziato. L’Assessore Regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e il Presidente della Regione Nello Musumeci,  negli incontri avuti con i funzionari dell’Assessorato, gli amministratori di Isola, i tecnici comunali e il Progettista,   hanno espresso parere favorevole alla possibilità di finanziamento dell’opera pubblica con  fondi comunitari, anche in considerazione che in Sicilia sono pochi i progetti cantierabili  muniti di tutte le autorizzazioni tecniche. Per il Comune di Isola, come spiega il sindaco Stefano Bologna,  sarebbe una svolta storica e aprirebbe molte speranze di sviluppo per la pesca e per l’attività turistica da Diporto.

play-sharp-fill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy