Corleone, progetto Anci e Conai per incentivare la raccolta differenziata

Al via a Corleone un progetto sulla comunicazione in materia di rifiuti solidi urbani. Il piano, approvato e finanziato al Comune da parte dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) e del Conai (Consorzio nazionale imballaggi), partirà subito, coinvolgendo il paese e Ficuzza. Obiettivo prioritario: aumentare la percentuale di adesione alla raccolta differenziata. L’amministrazione comunale ha partecipato al bando «Comunicazione locale 2019» sui rifiuti di imballaggio a luglio. Il progetto costerà circa 26 mila euro, dei quali l’85% a carico di Anci-Conai e il 15% delle casse comunali. «Riteniamo indispensabile comunicare alla cittadinanza le buone pratiche per la raccolta differenziata – dice Luca Gazzara, assessore comunale per l’Ambiente – specificando ancora una volta le modalità, i giorni di raccolta e tutto quello che è necessario sapere per migliorare l’attuale situazione”. Ogni anno a Corleone si producono 3.800 tonnellate di rifiuti solidi urbani, con circa 341,48 chili per abitante. La campagna appena finanziata si propone di diffondere maggiormente la cultura della raccolta differenziata, in modo da migliorare le attuali performance, non ancora soddisfacenti. La comunicazione sarà destinata a vari soggetti: cittadini, operatori economici, amministratori e dipendenti comunali, associazioni, scuole. Sono 5.857 le famiglie e 414 le utenze non domestiche che riceveranno lettere, vario materiale informativo (calendari di raccolta, pieghevoli) e l’invito agli 8 incontri con gli esperti. Sono inoltre previsti altri due incontri informativi, uno con i dipendenti e gli amministratori comunali e uno con le associazioni locali. Per quanto riguarda le scuole, in programma ci sono specifiche attività ludico-informative e 40 interventi in aula, dalle elementari alle scuole superiori. Tutte le attività dureranno 5 mesi e saranno soggette ad un preciso monitoraggio. «La raccolta differenziata ha una spiccata componente culturale ed educativa – afferma il sindaco Nicolò Nicolosi -. Abbiamo presentato questo progetto perché crediamo che ogni sforzo debba essere fatto per implementare questo sistema che ci consentirà di avere una città più pulita e decorosa e di riuscire ad abbassare le tasse ai cittadini. È chiaro però che ci vuole uno sforzo da parte di tutti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy