Ars, crisi dell’editoria: 1 milione per le imprese dell’informazione locale

L’Ars stanzia un milione di euro per sostenere le imprese siciliane dell’informazione locale. Un primo passo visto con soddisfazione dal Consiglio dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia. Un disegno di legge presentato all’Assemblea regionale da alcuni parlamentari per la promozione e il sostegno delle imprese dell’informazione locale con l’introduzione di misure che prevedono, tra l’altro, il sostegno dei livelli occupazionali delle imprese editoriali. “La grave crisi dell’editoria – scrive l’Ordine -, lo stato di sofferenza dei giornali siciliani che li costringe a pesanti sacrifici anche sul piano economico e a tagli di posti di lavoro, richiedono interventi urgenti e non più differibili da parte delle istituzioni per dare ossigeno a un settore,  come quello dell’informazione, essenziale per la democrazia”. L’Ordine valuta positivamente gli interventi  previsti, come i contributi e le facilitazioni per l’accesso al credito, finalizzati a favorire l’innovazione tecnologica con positive ricadute in termini di sbocchi professionali; i contributi per la stabilizzazione del personale con contratti non a tempo indeterminato; la pubblicazione, nel nome della trasparenza delle pubbliche amministrazioni, degli atti in tema di appalti e subappalti, nonché la pubblicazione dei bilanci semplificati di Regione, enti locali, aziende, società controllate e partecipate attraverso i quotidiani cartacei e le testate on line. “Le risorse finanziare individuate per il primo anno, un milione di euro – osserva l’Ordine dei giornalisti di Sicilia -, non lasciano immaginare inizialmente grandi possibilità di intervento, ma l’importante è avere evidenziato che il problema esiste, che la crisi dell’editoria è assai grave e preoccupante, che bisogna intervenire per rilanciare l’informazione, tutelare il pluralismo, scongiurare il rischio di pesanti tagli occupazionali e la scomparsa di numerose testate che rappresentano la voce dei territori”. L’Ordine auspica infine “un serio confronto parlamentare su questi temi e un impegno costruttivo per migliorare ulteriormente le proposte avanzate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy