Partinico, il Consiglio Comunale boccia esternalizzazione casa di riposo C.Cataldo (Video)

No all’esternalizzazione della gestione della casa di riposo “Canonico Cataldo” di Partinico proposta dalla giunta comunale guidata dal sindaco Maurizio De Luca. Il consiglio comunale ieri sera dopo una lunga discussione durata oltre cinque ore ha bocciato l’atto deliberativo. Nove i voti favorevoli, 10 i contrari e 3 le astensioni. Ad astenersi in blocco l’Udc, rappresentata dalla presidente dell’assise Silvana Italiano, e dai consiglieri Salvo D’Angelo e Gianfranco Lo Iacono.
Una pioggia di critiche sono ricadute nel corso del dibattito sul sindaco Maurizio De Luca, accusato di aver abbandonato l’aula ad inizio dei lavori, rimanendo fermo sulla sua posizione della necessità di esternalizzare per far quadrare i conti di un bilancio che, a causa del dissesto finanziario, non si approva oramai dal lontano 2016.
“L’opposizione, che nel frattempo è diventata maggioranza in aula, – ribatte polemicamente il consigliere Toti Comito tra coloro i quali hanno votato sì all’esternalizzazione – poteva emendare la proposta e assumersi la responsabilità di mettere nero su bianco la propria posizione. Ma siccome sanno che le loro pseudo proposte sono impraticabili hanno preferito la via più comoda, ovvero bocciare la proposta. Eppure tra quei banchi siedono proprio gli amministratori del recente passato che hanno depauperato ogni risorsa, che hanno messo in ginocchio il comune, che hanno portato al dissesto finanziario”.
Ora cosa accadrà alla casa di riposo? Intanto si andrà avanti con una proroga tecnica, la seconda e ultima possibile, sino al 31 maggio. “Attendo disposizioni dall’amministrazione comunale – ha sottolineato il responsabile del Settore dei Servizi sociali da cui dipende la casa di riposo, Nunzio Lo Grande – per porre in essere gli atti gestionali necessari”.

play-sharp-fill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy