Ex Province, l’Anci sollecita soluzioni a garanzia della tenuta sociale dei territori

“L’attuale condizione finanziaria degli tutti gli enti locali dell’Isola (comuni, liberi consorzi e città metropolitane) è, ancora oggi, caratterizzata, nella maggior parte dei casi, dall’impossibilità di approvare i bilanci di previsione 2016 e pertanto di erogare servizi efficienti ai cittadini e pagare gli stipendi ai lavoratori (precari e non).

Molti, troppi nodi di natura finanziaria e istituzionale stanno contemporaneamente venendo al pettine in questa fase storica e già oggi nei confronti dei soggetti più deboli si avvertono gravi ripercussioni.

“In particolare afferma il Presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando – con la riforma delle ex Province si è determinato, nei fatti, un assetto nuovo in cui non è più possibile affrontare separatamente le problematiche relative al personale”.

Orlando, interviene a seguito della protesta in corso dei dipendenti della ex provincia regionale di Enna, i quali temono per l’imminente dichiarazione di dissesto finanziario ed in particolare, al gesto disperato di un gruppo di precari che si trova sul tetto di un edificio nel centro storico della città a causa del mancato rinnovo del loro contratto di lavoro.

“Tutto ciò – prosegue il presidente dell’Anci – dovrebbe e deve far prevalere sin dalle prossime ore il massimo impegno e la massima collaborazione tra i diversi attori istituzionali e sociali dell’isola attraverso un confronto che, anche con lo stesso Governo nazionale, possa portare a scelte che evitino conseguenze traumatiche sulla tenuta sociale dei territori”.

“Ricordiamo – dice ancora Orlando – che per quanto riguarda i Comuni rispetto a quanto stabilito dalla Legge di Stabilità regionale 2016, si è determinata una ulteriore riduzione del 9% dei trasferimenti ordinari e non si ha alcuna certezza sulle modalità e sui tempi per l’utilizzo di ben 165 milioni previsti per spese di investimento e per il pagamento delle rate di mutuo. Con riferimento, poi, agli Enti di area vasta – prosegue la nota – la situazione risulta ancora più preoccupante in considerazione del fatto che rispetto alle note e crescenti difficoltà finanziaria (quantificabili in circa 200 milioni di euro) che da mesi stanno determinando una paralisi dei Liberi consorzi non si intravedono soluzioni”.

In tal senso l’Anci Sicilia ribadisce, ancora una volta la necessità di rendere meno traumatico l’indispensabile passaggio dall’attuale fase caratterizzata da un lunghissimo commissariamento a quella di una gestione politica dell’Ente. Risulta, però, evidente che, allo stato attuale ed in assenza di azioni tempestive, più che pensare ad elezioni di secondo livello da tenersi entro il 30 novembre, bisognerà passare ad una gestione da affidare a curatori fallimentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy