Sostituiti i cavi in rame rubati, torna regolare il servizio idrico a Castellammare del Golfo

«Consumiamo 220 litri di gasolio ogni ora per i due gruppi elettrogeni, uno di 400 ed un altro di 200 chilowatt, presi in affitto al fine di garantire l’erogazione idrica ed evitare ulteriori disagi ai cittadini. I furti di cavi in rame dagli impianti di sollevamento dei pozzi di Inici ci costano circa diecimila euro al giorno. Entro oggi saranno sostituiti e si tornerà alla normalità”.

Lo dice amareggiato, il sindaco di Castellammare del Golfo Nicolò Coppola dopo i danni subiti con l’ultimo furto di oro rosso dagli impianti che fornivano energia elettrica al pozzo Inici. Opera di balordi che ha seriamente compromesso il servizio idrico nella cittadina turistica, sebbene garantito in questi giorni con un pesante aggravio di costi.

Le poche centinaia di metri di cavi rimasti, da giorni vengono presidiati attraverso un servizio notturno di controllo straordinario operato da carabinieri, protezione civile e vigili urbani.
Adesso, il primo cittadino, annuncia l’imminente ripristino del servizio idrico nelle zone fornite dagli impianti di sollevamento di Inici.

A Castellammare la dotazione complessiva di acqua, comprese fonti a Scopello e Balata di Baida, è di 65 litri al secondo: il pozzo di Inici, che fornisce 38 litri di acqua al secondo, è la maggiore fonte idrica cittadina.

I cavi in rame, per un totale di 953 metri, sono stati portati via nella notte tra venerdì e sabato e tra martedì e mercoledì ne sono stati rubati altri 1900 metri.

“Siamo intervenuti giovedì per ripristinare gli impianti – racconta il sindaco Coppola – ma l’ulteriore furto ha causato tanti disagi poiché, molte zone della città, sono rimaste a secco. Ricontattata l’Enel, i lavori di sostituzione dei cavi in rame con quelli in alluminio, sono ricominciati lunedì, ma non è stato possibile ultimarli poiché ne occorrevano altri 250 metri che, da Messina sono arrivati ieri. Le pompe continuano a funzionare con i gruppi elettrogeni che ci sono serviti per garantire il servizio minimo, in giornata, con la rete elettrica ripristinata che alimenterà nuovamente le pompe di sollevamento del pozzo Inici – conclude – sarà riassicurata la normale fornitura di acqua in città».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture