Terrasini. Imbarcazione affondata al porto, domani la rimozione del relitto

Cominceranno da domani mattina le operazioni di rimozione di un relitto dalle acque del mare di Terrasini. Si tratta di un’imbarcazione sequestrata nel 2011 a Balestrate dalla Guardia Costiera e poi affondata nella zona del porto di Terrasini. Il natante battente bandiera Panama e di prorpietà di un armatore greco era stato fermato per un controllo e gli uomni della Capitaneria di Porto avendo riscontrato una serie di irregolarità lo avevano posto sotto sequestro. L’imbarcazione non poteva navigare, era in possesso di certificati scaduti e tra l’altro l’armatore si era pure reso irreperibile ed era stato denunciato. E mentre si attendevano le procedure di accertamento, il natante è affondato. Diverse le problematiche legate ai costi di rimozione che hanno ritardato l’intervento. Adesso però l’amministrazione Cucinella di concerto con il comandante dell’ufficio circondariale marittimo di Terrasini, Stefano Lamanna, ha programmato l’operazione di sollevamento e rimozione del relitto che avverà da domani e sarà eseguita con fondi comunali “considerato che i finanziamenti statali che si attendevano non sono mai stati stanziati. L’amministrazione comunale –afferma il sindaco Massimo Cucinella- intende dare riscontro positivo alle istanze avanzate dalle forze della marineria che nel porto e in mare esercitano la loro attività professionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture