Uccisero barista per errore, ergastolo per i boss Lo Piccolo

La Cassazione ha confermato l’ergastolo per i capimafia palermitani Salvatore e Sandro Lo Piccolo, accusati di essere i mandanti dell’omicidio di Giuseppe D’Angelo, barista in pensione assassinato il 22 agosto del 2006.
La stessa pena era stata decisa per Antonino Pipitone, indicato come affiliato alla cosca di Carini. I killer lo ammazzarono mentre era seduto davanti al banco di un fruttivendolo perché somigliava a Lino Spatola, boss di Tommaso Natale, vero obiettivo del commando.

ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy