Isola delle Femmine. Rifiuti, il comune gestirà il servizio attraverso l’Aro: “differenziata e risparmio di 400.000 euro”

Cambia la gestione dei rifiuti ad Isola delle Femmine. La Commissione Prefettizia formata da Vincenzo Covato, Matilde Mulè e Guglielmo Trovato ha approvato con i poteri del consiglio comunale il nuovo piano per la gestione della spazzatura. L’amministrazione straordinaria che guida il comune, si sta indirizzando verso la cosiddetta strategia “Rifiuti Zero”, combinando riciclaggio e riduzione della spazzatura da conferire in discarica.
L’ente locale ha definito un Ambito di Raccolta Ottimale che in autonomia si occuperà di raccolta e smaltimento dei rifiuti, secondo quanto disposto dalla Regione che ha deciso di chiudere i vecchi Ato per passare alle nuove SRR. Isola delle Femmine è entrata a far parte della SRR “Palermo Area Metropolitana” che raggruppa 22 comuni della fascia costiera. All’interno di questa nuova società, i comuni possono consorziarsi tra di loro per gestire il servizio oppure decidere di restare autonomi.
La Commissione prefettizia ha deciso di costituire un proprio Aro. Il piano è stato redatto da un apposito gruppo di lavoro formato da personale interno all’ente locale sotto la supervisione di un esperto, che ha analizzato i vari aspetti della gestione.
Il costo del servizio sarà di 990.000 euro, invece degli attuali 1,316,000 euro, con un risparmio di quasi 400,000 euro ogni anno. Secondo i dati forniti dall’Ufficio Tributi, la spesa per il 2012 è stata interamente coperta dalla riscossione della Tarsu, ma in paese il tasso di evasione è in aumento e si attesta oltre il 52%. Ovvero più della metà della popolazione non paga la tassa sui rifiuti, è questo ha comportato un notevole aumento della tariffa, passata da 1,80 a mq a 2,50 per le utenze domestiche.
Per cercare di far diminuire i costi, è prevista l’attivazione della raccolta dei rifiuti “porta a porta” per raggiungere l’obiettivo del 55% di differenziata previsto dalla legge. Attualmente è ferma al 2%. E’ stata avviata un indagine di mercato per conoscere le migliori condizioni offerte dalle ditte per smaltire i rifiuti differenziati. Nel piano è previsto un risparmio per l’ente locale, grazie al contributo concesso dalla CONAI per questo tipo di materiali. Prevista anche l’attivazione del compostaggio domestico e la costituzione di “eco punto” a Piano Levante. Nel progetto è prevista anche una campagna di sensibilizzazione per i cittadini per adottare le buone pratiche per il corretto conferimento della spazzatura.
Il piano adesso sarà inoltrato al Dipartimento “Acque e Rifiuti” della Regione Siciliana per l’approvazione. Poi, si procederà ad indire una gara pubblica per l’affidamento del servizio ad una ditta esterna, facendo transitare tutti dipendenti attualmente impegnati con l’Ato Palermo 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy