Buoni pasto del Comune di Carini “taroccati” scoperti a Partinico, due denunce

Pasta, carne, conserve di qualità, salumi, ma anche goloserie. Una vera e propria spesa con i fiocchi quella che hanno cercato di garantirsi, ieri pomeriggio, due truffatori, smerciando buoni pasto «taroccati» nei migliori supermercati fra Trappeto, Partinico e Borgetto. Sapori e prelibatezze che però non potranno degustare, grazie alla solerzia del titolare del centro commerciale La Fontana che, accortosi in tempo del raggiro, ha tempestivamente allertato i carabinieri della locale stazione e gli agenti di polizia privata Europol a cui è associata. Militari e vigilantes sono giunti sul posto mentre i malviventi, due fratelli pregiudicati di 20 e 25 anni, provenienti dal popolare quartiere palermitano di Borgo Molara, stavano caricando le buste della spesa nella loro auto. La mente della truffa sarebbe stato il fratello maggiore, un volto conosciuto alle forze dell’ordine per simili reati. Dopo aver caricato il carrello con ogni ben di Dio, come da schema, con disinvoltura, hanno pagato il dovuto, circa 200 euro, tirando fuori diversi blocchetti di buoni pasto del Comune di Carini, falsificati, del valore di 9 euro ciascuno. Purtroppo per loro, i ticket reali che l’ente locale fornisce ai propri dipendenti sono di 5 euro e 20 centesimi; inoltre i bordi degli stessi, sono a rilievo e ruvidi. Quelli che invece i truffaldini hanno lasciato alla cassa, oltre ad avere un importo differente dagli originali, al tatto risultavano completamente lisci. Da qui l’intuizione del titolare del supermercato che non ha voluto lasciare nulla di intentato chiedendo aiuto alle forze dell’ordine che si sono fatte trovare all’uscita. Perquisita la loro auto, una Mercedes Classe A, carabinieri e guardie giurate, si sono trovate davanti decine di buste di spesa ed altri 5 blocchetti di buoni pasto contraffatti, con 10 ticket ciascuno, sempre del valore individuale di 9 euro e quindi, per un totale di 450 euro. I militari, hanno appurato, che prima di arrivare al centro commerciale di Borgetto, i due truffatori avevano già fatto tappa ai supermercati Simply di Trappeto e di viale Aldo Moro Partinico, spendendo, sempre con i ticket fasulli, circa 200 euro per parte. A questo punto, i due fratelli palermitani sono stati condotti in caserma per gli accertamenti di rito. Dopo aver restituito ai rispettivi esercenti la spesa acquistata illecitamente, i due malviventi, su cui adesso pende una denuncia a piede libero per il reato di truffa, sono stati rilasciati. I carabinieri, adesso, stanno indagando sulla circolazione dei buoni taroccati, per scoprire l’eventuale base operativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy