Stato-Mafia. Pentito, voci su Andreotti affiliato

“In Cosa nostra si diceva che Andreotti era uomo d’onore, che era ‘punciuto’ (che significa affiliato formalmente) e che ci avrebbe garantito al maxiprocesso”. Lo ha detto il pentito nisseno Leonardo Messina che sta deponendo al processo sulla trattativa Stato-mafia, davanti alla corte d’assise di Palermo. Il collaboratore ha riferito che inizialmente tra i vertici di Cosa nostra c’era la certezza che il maxiprocesso, in Cassazione, sarebbe andato al giudice Corrado Carnevale.
ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy