Partinico, coppia di anziani rapinata in casa

Non sembrano esserci deterrenti, né controlli straordinari utili a far rientrare l’allarme microcriminalità che ormai da oltre un anno attanaglia Partinico, così come altri grossi centri della provincia di Palermo. Scippatori, rapinatori e ladri qualunque continuano ad agire indisturbati ai anni di cittadini indifesi. Sono centinaia i furti e le rapine denunciate solo nel 2013 sia ai carabinieri che alla polizia. E ad eccezione dell’individuazione di qualche ricettatore, ad oggi, le forze dell’ordine, non sono ancora riuscite a dare un volto né ai topi di appartamento, né alle bande armate che puntualmente tornano in azione durante le ore notturne. Ieri sera, poco dopo la mezzanotte, due uomini con il volto travisato da cappucci, hanno fatto irruzione per la seconda volta, a distanza di pochi mesi, nell’abitazione di una coppia di anziani che vive in Via Contadino. I due coniugi ottantenni dormivano profondamente, quando sono stati svegliati dalle minacce degli sgraditi ospiti. Increduli per quanto ancora una volta stessero subendo, gli anziani hanno tentato di spiegargli di non possedere nulla; ma il loro racconto non ha convinto uno dei due delinquenti che ha sferrato un pugno contro il volto della donna. La violenza e le minacce hanno indotto la coppia a soddisfare le aspettative dei criminali. I due gli hanno consegnato 250 euro, i residui della tredicesima che gli avrebbero consentito di tirare avanti in questi ultimi giorni del mese e festeggiare dignitosamente il capodanno. Un magro bottino che i malviventi hanno arraffato, assieme ad una collanina d’oro che hanno scippato dal collo della donna e ad un libretto di risparmio, già bloccato, per poi dileguarsi tra le strade del centro storico. Subito dopo, gli anziani, hanno chiamato il 113. Sul posto è intervenuta una volante per i rilievi di rito. La pensionata, dolorante per le percosse subite, è stata visitata dai medici del pronto soccorso dell’ospedale civico di Partinico. Le indagini sono in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy