Operazione Alexander. Droga e mafia, arrestate altre quattro persone

Quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo con l’accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso e traffico di stupefacenti. Si tratta di Antonino Ciresi, 70 anni e già detenuto per altra causa; Vincenzo Ferro 37 anni, Gaspare Dardo 57 anni di Marsala e Ciro Napolitano 29 anni di origini campane. L’inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, costituisce il seguito dell’operazione antimafia Alexander che nel luglio scorso portò all’arresto di 26 persone e all’azzeramento del mandamento mafioso di Porta Nuova. Antonino Ciresi, noto come zio Nino, è considerato il braccio destro del
reggente del mandamento, Alessandro D’Ambrogio ed è ritenuto responsabile dei rapporti con gli altri clan palermitani e della riscossione dei proventi delle estorsioni e del mantenimento delle famiglie degli affiliati. Vincenzo Ferro, detto Renzo, fa parte della famiglia di Corso dei Mille, e secondo gli inquirenti avrebbe avuto un ruolo di primo piano nella gestione del traffico di stupefacenti sia in città che nelle province dell’Isola, inoltre manteneva i contatti con esponenti della criminalità organizzata partenopea. Gaspare Dardo, noto come Zio Asparino, è anche lui coinvolto nel traffico di droga tra i clan palermitani e quelli mazaresi. Dall’alleanza tra i due gruppi nasceva l’esigenza di creare un canale diretto per l’approvvigionamento di Cocaina e Hashish, affrancandosi quindi dal classico canale napoletano. Sarebbe stato infatti Ciro Napolitano a tenere i contatti con i clan camorristici che inviavano partite di cocaina in Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy