Nuove intimidazioni nei confronti del giornalista Lirio Abbate

Nuove minacce nei confronti di Lirio Abbate, giornalista de L’Espresso. secondo quanto scrive Il Fatto Quotidiano, Abbate sarebbe nel mirino della malavita romana.
La polizia della Capitale sta infatti indagando dalla scorsa estate su una pista segnalata da un anonimo: “Lirio Abbate deve stare attento a Riccardino l’albanese, uno dal quale dipende gente che spara”. Il “Riccardino” segnalato sarebbe Arben Zogu, 40 anni, arrestato il 29 ottobre insieme con Mario Iovine e ad altre 12 persone legate al clan dei casalesi.

Abbate sarebbe finito nel mirino di Zogu a causa di un’inchiesta su l’Espresso risalente al dicembre 2012 e intitolata “I quattro re di Roma”, in cui il giornalista siciliano disegnava “una mappa aggiornata con nomi, cognomi e sfere di influenza sul crimine romano – scrive Il fatto Quotidiano -, puntando il faro su personaggi pesanti ma a piede libero”. Le indagini avviate dalla Procura di Roma subito dopo la segnalazione finora non hanno trovato riscontri, ma l’allerta resta molto alta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy